Ritorno a lavoro: l'ansia di doversi staccare

Dopo i primi mesi di vita passati in simbiosi, spesso noi mamme abbiamo la necessità di staccarci dal nostro bambino per rientrare a far parte del mondo del lavoro. Con l’arrivo del bebè abbiamo dovuto affrontare un cambiamento sostanziale nei nostri ritmi, tempi, spazi, priorità della vita, abbiamo impiegato energie immani per adattarci alla nostra nuova vita di mamme. Dal nostro tran tran quotidiano fatto di lavoro, spesa al supermercato, palestra e ogni tanto un aperitivo con le amiche, siamo passate improvvisamente a poppate, cambi pannolini e risvegli notturni.
Le nostre priorità ora sono: quanto ha mangiato? Quando deve mangiare? Ha fatto la cacca oggi? Non ce lo ricordiamo neanche più il sapore di un aperitivo! Figuriamoci che cosa ricordiamo del nostro posto di lavoro! È come se avessimo fatto un salto su un altro pianeta e ora... ci viene chiesto di tornare sulla Terra. Pronto, pronto! Tempo scaduto, è ora di tornare tra noi e ricominciare a produrre! Al lavoro! Oddio, che ansia.

I pensieri nella nostra mente si affollano, si contraddicono l’un l’altro, proviamo disorientamento, confusione, indecisione.
"Sarà giusto lasciare il bambino? Sì, sì lo devo fare! Non ho alternative... ma poi è un bene per lui che deve imparare a stare anche senza di me per non essere un mammone... Anche se so già che mi mancherà, che se comincia a piangere quando me ne vado mi spezzerà il cuore... e poi chissà che cosa dirà mia suocera che lo lascio già tutto il giorno!"

Il nostro mondo ovattato fatto di profumo di bimbo (non sempre è profumo...) deve far posto al mondo lavorativo. Proprio ora che avevamo preso il ritmo giusto, che finalmente avevamo messo a punto un minimo di organizzazione pratica nella gestione del bimbo, che riuscivamo a decodificare bene i suoi segnali, che cominciava a darci un po’ di soddisfazione mostrando di riconoscerci con un bel sorriso, ecco che dobbiamo affrontare un altro cambiamento impegnativo, sia dal punto di vista pratico che psicologico. Dobbiamo decidere a chi affidare il nostro
bimbo e tornare nel mondo del lavoro.

Spesso i sensi di colpa ci assalgono. Siamo combattute tra il pensiero di ciò che ci sembra la condizione migliore per il nostro bambino e ciò che ci sembra il meglio per noi o ciò che semplicemente sappiamo di dover fare.
A volte il lavoro non è la soddisfazione principale della nostra vita, a volte proprio non ci piace, ma sappiamo che non possiamo farne a meno per il sostentamento economico della famiglia. Nelle situazioni in cui il lavoro è vissuto male e si preferirebbe, potendo scegliere, restare a casa con il bambino, più che il senso di colpa si vive soprattutto un senso di ingiustizia: siamo impossibilitate nella nostra libertà, siamo costrette nella scelta, nostro malgrado, e questo può portare un senso di frustrazione e desolazione. Non ci sentiamo delle buone mamme e non saremo, neanche delle efficienti lavoratrici.

A volte invece desideriamo davvero riprendere la nostra attività lavorativa, sentiamo la mancanza del nostro ruolo produttivo. E anche in questo caso le emozioni che si provano sono negative, in conseguenza dei sensi di colpa. Spesso queste sensazioni sono il frutto di errate premesse, di pregiudizi circa il ruolo materno, alimentati spesso dalle persone che ci circondano. È ancora purtroppo opinione diffusa che
una mamma che lavora e che affida il suo bimbo ad altre persone non possa essere una mamma attenta e premurosa quanto la mamma che trascorre tutto il suo tempo con il proprio bimbo. Ancora troppo facilmente e superficialmente si mettono in relazione di causa-effetto eventuali problematiche comportamentali dei bambini alla quantità di tempo che trascorrono con la mamma.

Troppo frequentemente si giudicano negativamente le mamme che tornano a lavorare dopo pochi mesi dal parto. Non parliamo poi delle mamme che potrebbero decidere di fare solo le mamme e invece scelgono volontariamente di tornare al lavoro! Non ci sono più le mamme di una volta... In realtà ciò che è indispensabile per la crescita serena e armonica della personalità di un individuo non è la quantità di tempo trascorsa con i genitori, ma la qualità. Non è una frase fatta per consolare le mamme lavoratrici.

Sono profondamente convinta che il benessere del bambino sia inevitabilmente condizionato dal benessere della mamma e dallo stare bene con lei. Se la mamma può e decide di trascorrere tutto il suo tempo con il proprio bambino serenamente e con reale compiacimento, interpreta il suo ruolo materno come unico obiettivo della propria vita, senza forti esigenze che la spingono verso il mondo del lavoro, certamente il bambino crescerà serenamente. Stare con la mamma è stare bene.

Diversa è la situazione di quelle mamme che patiscono il fatto di trascorrere tutto il loro tempo da “mamme”, o che hanno l’esigenza economica di non fare solo le mamme! Il bambino ha bisogno, e aggiungerei ha diritto, di avere una mamma serena, realizzata, felice, in grado di entrare in relazione con lui in modo sano, costruttivo.

Molte mamme vivono purtroppo situazioni di forte stress psicologico dovuto al carico enorme di responsabilità e impegni che la maternità comporta. Devono dedicarsi notte e giorno all’accudimento del loro bambino, isolandosi dal resto del mondo e trascurando se stesse e ogni loro interesse. La maternità dovrebbe anche essere piacevolezza, desiderio di stare col proprio bambino, voglia di giocare con lui, reale compiacimento per entrambi. Quando non è così, la presenza costante della mamma col bambino porta stress e malessere sia all’una che all’altro. La mamma c’è, ma è come se non ci fosse.

Una mamma che ha una propria attività lavorativa, che si sente realizzata e che torna stanca ma soddisfatta dal proprio bambino dopo una giornata di lavoro, potrà riabbracciarlo e viverlo con tutta l’intensità e il desiderio reale di stare con lui: entrambi beneficeranno di questo ricongiungimento e vivranno momenti di vera felicità e benessere. È importante poi che si dedichi il giusto tempo per stare e fare insieme delle cose: il resto della giornata consente di ritrovarsi e condividere vari momenti importanti di accudimento, come il bagnetto, la cena e la nanna. La mamma qui c’è un po’ meno... ma è presente davvero!

Dott.ssa Monica Contiero, Mamme pret a porter, il primo anno insieme, Mental Fitness Publishing

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna