La storia di Sara Guerriero, quando il mobbing è davvero troppo

Il 13 marzo sapremo qualcosa di più: è fissata infatti per quel giorno l’udienza davanti al giudice. Il motivo? In poche parole, Sara è diventata mamma, la sua azienda l’ha trasferita a più di 250 km di distanza. E via con la denuncia, passo obbligato da un sistema che quando decide di licenziarti e non può farlo ricorre a tutte le strategie più basse.

La storia di Sara Guerriero, quando il mobbing è davvero troppo: se diventare mamma diventa un intralcio per il datore di lavoro, dobbiamo lottare per i nostri diritti

Ed ecco quindi la storia di Sara Guerriero spiegata passo passo: Sara lavora per un’azienda tricologica italiana, la Farmasuisse S.r.l. (o Istituto Helvetico Sander, per come la conosciamo). Poco tempo fa è diventata mamma, e guarda caso l’azienda ha deciso di trasferirla da Cosenza a Salerno. Via da casa, insomma. Mica facile decidere così su due piedi. Soprattutto con un bambino piccolo.

A molte verrebbe in mente di licenziarsi, è normale. Ma è proprio questo l’intento dell’azienda: spingere al licenziamento una persona che non potrebbero licenziare ma che in quel momento sta loro stretta. Perché la legge in effetti tutela le mamme: al datore di lavoro è vietato licenziare la madre lavoratrice dall’inizio del periodo della gravidanza sino al compimento di un anno d’età del suo bambino.

No, Sara non vuole licenziarsi. Quel lavoro è giustamente un suo diritto. Ed è così che ha deciso di lottare, portando anche alla luce la sua storia (grazie ad un articolo uscito sul “Manifesto”, scritto da Claudio Dionesalvi e Silvio Messinetti). Ha fatto quindi ricorso con il suo avvocato Giuseppe Lepera (in sede civile ai sensi dell'ex articolo 700 - provvedimento d'urgenza - del Codice Civile) e l’ha vinto.

Ma l’azienda farmaceutica non ha accettato la sentenza del giudice Silvana Ferrentino (la decisione era che il trasferimento non era accettato, dal momento che la scusa dell’azienda, e cioè un “calo di redditività della sede” era chiaramente solo una scusa - e pure falsa) e l’ha comunicato a Sara. Che l’ha comunicato al suo nuovo avvocato, Elena Montesano. Che ha quindi sporto immediatamente, insieme all’avvocato Lepera, un’altra denuncia-querela al procuratore della Repubblica di Cosenza contro l'azienda, per non aver rispettato la sentenza della Ferrentino. Ecco di cosa si tratterà il 13 marzo: della nuova udienza relativa al secondo ricorso di Lepera a seguito della seconda lettera di trasferimento che Sara ha ricevuto dall'azienda pochi giorni dopo la prima sentenza della Ferrentino che dichiarava il trasferimento illegittimo e discriminatorio e ordinava il reintegro immediato a Cosenza.

La storia di Sara fa riflettere moltissimo. Come può un’azienda potersi ancora nascondere dietro al dito del “il trasferimento è un nostro diritto poiché in questo momento c’è bisogno così” quando, palesemente, si tratta di vessazioni per spingere un elemento al licenziamento spontaneo? Come si può cedere a questo sistema? E come si può dire di “sì” quando ti peggiora la vita e dire di “no” peggiorandola ulteriormente?

L’altra considerazione allarmante sorge se guardiamo i numeri diffusi dall’Osservatorio Nazionale Mobbing, poiché i mobbing strettamente legati alla maternità sono davvero moltissimi. Dal 2011 al 2016 i casi in Italia sono aumentati addirittura del 30%. Negli ultimi due anni almeno 350.000 donne (sì, 350.000!) sono state discriminate a causa della maternità, per il semplice fatto di essere rimaste incinte o perché hanno chiesto, come loro di diritto, la possibilità di conciliare lavoro e famiglia.

Questi dati fanno orrore. Le aziende considerano le mamme lavoratrici un peso. E non sapendo come “sbarazzarsene” ricorrono a tristi trucchetti che purtroppo la maggior parte delle volte hanno successo.

Ma che ne è della maternità tutelata? Ma nessuno guarda ai paesi nordici, nei quali le mamme e i papà hanno molti più diritti e permessi e l’economia continua ad essere impeccabile?

Alla fine resistere diventa difficile e doloroso. Non tutte hanno la forza di Sara. Tuttavia, un aiuto esiste. Quando sentite di essere vittime di questo bullismo psicologico da parte della vostra azienda, rivolgetevi all’Osservatorio dedicato o alla Consigliera di Parità. Sapranno certamente consigliarvi come procedere, come difendervi. E soprattutto ricordatevi che non siete sole, che non siete solo voi in questa condizione, e che l’unico modo per evitare che il fenomeno continui a diffondersi è, almeno, alzare la voce e dire a tutti il trattamento che state ricevendo.

Ti potrebbe interessare anche

La mente di una mamma? Non si ferma mai
“My body did not fail me”, un bellissimo progetto sul parto cesareo
Avere l’ultimo figlio dopo i 33 anni allunga la vita
Mamme lavoratici, i benefici a lungo termine che ricadono sui figli
Quante ore lavora in media a settimana una mamma?
La meraviglia della gravidanza dopo l’infertilità
Tuo figlio resta sempre con te: a dirlo è la scienza
Le foto delle mamme del mondo che stanno facendo emozionare il web
Mabarà, nuovo spazio a Milano per mamme e bambini
La bellezza della maternità sta anche nelle preoccupazioni
Come aiutare una neomamma (anche quando non chiede nulla)
Cosa vuol dire essere una mamma single

Schermata 2018 06 15 alle 12.36.52

 

 

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter