Perché evitare gli ammorbidenti commerciali

Spesso gli ammorbidenti che compriamo al supermercato sono più chimici che altro. Le irritazioni sulla pelle dei nostri bimbi a volte possono essere anche il risultato di agenti troppo aggressivi. Ma sapete che con pochi ingredienti si possono creare ammorbidenti fatti in casa, naturali e altrettanto efficaci? Dite addio ai fustini di plastica che inquinano, ma soprattutto agli intrugli di chissà che schifezze che inevitabilmente si depositano sul nostro bucato!

Ecco perchè evitare gli ammorbidenti commerciali: i consigli di mammapretaporter.it per avere un'alternativa più ecologia e più economica!


- L'aceto, nella sua semplicità, è un ottimo ammorbidente. Ne basta 1/4 di tazza aggiunto al ciclo di risciacquo (non mettetelo direttamente nel cestello o nello stesso scomparto del detersivo: utilizzate l'apposito cassettino), con l'aggiunta di un po' di olio essenziale per contrastare il forte odore e profumare comunque i capi.
Tenete una bottiglia di aceto vicino alla lavatrice e mischiatelo già con circa 25 gocce di olio essenziale a scelta: voilà, sempre pronto!

- Acido citrico: la ricetta è davvero semplicissima. Basta unire 100 g di acido citrico con 1 litro di acqua distillata (l'acqua non distillata non ha lo stesso effetto). Possiamo poi aggiungere delle gocce di olio essenziale a picere: consigliatissimi sono la lavanda, il cajeiput (per il classico profumo di pulito), ylang ylang (profumo fiorato). Se decitete di utilizzare gli oli essenziali è fondamentale agitare bene la vostra bottiglia di ammorbidente prima dell'uso. 

- Anche i sali di Epsom sono perfetti da aggiungere al bucato: di nuovo, basterà mischiarli con i vostri oli essenziali preferiti. Prendete una busta di sali, mettetela in una ciotola e mescolateli bene con circa 40 gocce di oli (anche mischiati: fate voi, i risultati sono sempre sorprendentemente deliziosi!).
All'ora del bucato, mettetelo insieme al vostro detergente in polvere nel settore del detersivo e azionate. Non sarà profumato con l'ammorbidente in commercio, ma certamente più salutare ed economico!

- Quella era la versione in cristalli. Ma con qualche ingrediente in più potete creare anche quella fluida, da mettere nel settore dell'ammorbidente della vostra lavatrice.
Prendete mezza tazza di sali di Epsom profumati (quelli che avete già creato) e mischiateli bene fino a scioglierli in una tazza di acqua calda. In un barattolo abbastanza ampio versate mezza tazza di bicarbonato di sodio e piano piano aggiungete 6 tazze di aceto bianco (meglio se caldo e distillato, ma non è facile trovarlo in commercio), mescolando per fare sciogliere il bicarbonato. Ora aggiungete i sali sciolti nell'acqua, chiudete il tappo e agitate per mescolare. Fatto! E ricordate di agitare sempre prima dell'uso: gli ingredienti nel barattolo tenderanno a separarsi, ma non è un problema.

- La ricetta precedente prevedeva il bicarbonato di sodio, che, infatti, è tra i più potenti ammorbidenti naturali, con la sua capacità di ridurre l'elettricità statica dei tessuti del bucato. Se non avete voglia di creare il vostro mix con i sali di epsom, basterà aggiungere in lavatrice mezza tazza di bicarbonato sciolto in acqua tiepida.

- Un'altra ricetta super veloce e davvero efficace è quella che combina due ingredienti di cui abbiamo parlato: aceto e bicarbonato. Create un mix con: 8 tazze di bicarbonato, 1 tazza di aceto e 1 tazza e mezza di acqua calda, a cui potete aggiungere gli oli essenziali. Iniziate mischiando acqua e aceto e aggiungete pian piano, sempre mischiando, il bicarbonato (aceto e bicarbonato frizzeranno un po' per reazione, quindi assicuratevi di mischiarli in un recipiente largo per non strabordare). Aggiungete quindi 1 tazza di liquido ad ogni risciacquo, anche qui mischiando gli ingredienti nel barattolo che si sanno depositati.

- Ma sapete qual è la più semplice maniera del mondo per ammorbidire il bucato senza ammorbidente? La pallina da tennis!
Lasciate vagare due palline da tennis nel cestello insieme ai panni. Districheranno naturalmente i capi ed elimineranno l'elettricità statica che si crea naturalmente dallo sfregamento dei tessuti. In alternativa potete provare anche le palline dosatrici per il detersivo.

La redazione di mammapretaporter.it

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna