Jane Goodall ci insegna il rispetto per gli animali:

È la signora degli scimpanzé. No, non è la Jane di Tarzan, ma di un'altra Jane parliamo. Jane Goodall è un'etologa e scienziata britanniaca. Capelli argentei e occhietti vispi, ha dedicato la sua vita alle scimmie, e studiandole da vicino ha portato alla luce caratteristiche che hanno aiutato meglio la comprensione della nostra stessa razza umana.

Jane Goodall ci insegna il rispetto per gli animali: attraverso un suo aneddoto, i bambini possono capire quanto l'amore verso l'ambiente e gli animali sia fondamentale e irrinunciabile

Fin dagli inizi dei suoi studi, Jane si è sempre schierata contro la cattività degli animali, innaturale e barbara. Vivendo poi a stretto contatto con i primati, in Tanzania, ha reso questo studio la sua vita, fondando anche il Jane Goodall Institute per la salvaguardia delle scimmie in tutto il mondo.
La sua esperienza e la sua persona sono di grande ispirazione, e lo possono essere anche per i bambini, sempre affascinati dalle scimmie e sicuramente interessati alle gesta di questa signora che per studiarle si è avvicinata a loro cercando di replicare le loro abitudini.

Insomma, oltre ai suoi studi largamente conosciuti, Jane Goodall ha recentemente rivelato un aneddoto della sua infanzia che racchiude tutto il senso della sua esistenza e tutto il concetto di rispetto per il mondo animale che, se raccontato ai vostri bambini, può diventare pretesto per infondere in loro questo nobile sentimento. Non solo: il racconto fa capire quanto le parole di un genitore siano importanti per un bambino, che le terrà con sé probabilmente per tutta la sua vita.
Nello specifico, la vocazione di Jane per il rispetto degli animali e del loro habitat ha subito una spinta positiva grazie alle parole che una sera la madre le rivolse.

Un giorno, giocando in giardino, Jane si divertì moltissimo ad osservare un gruppo di lombrichi e a giocare con loro. Così, da bambina qual era, la sera decise di portarli nel letto con sé. La madre, vedendo questo suo gesto, le spiegò teneramente che capiva l'amore della bambina per questi lombrichi, ma che la sua idea di portarli con sé nel letto non era buona: togliendoli alla terra, i lombrichi sarebbero presto morti, perché lontani dal loro habitat naturale.

Ecco: Jane Goodall era già attratta dalla natura. Era la sua vocazione sin da piccola. Ma le parole della madre, oltre a spiegarle semplicemente un fatto naturale, la spronarono inconsciamente a dedicarsi nello specifico alla ricerca sugli habitat naturali degli animali, e le inculcarono la giusta idea che la cattività non può che essere negativa.

I bambini assimilano tutto ciò che diciamo loro durante la prima infanzia: è bene ricordarlo sempre, ed è bene prendere l'occasione per fare piccoli gesti e raccontare semplici fatti che insegnino loro il rispetto verso gli esseri umani, verso la natura e verso gli animali: prendiamo l'esempio della madre di Jane!

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

Birba, la cagnolina che passeggia sull'arcobaleno
Le mamme del mondo animale
La collina dei conigli
Un errore, il mio più grande amore

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter