Strumenti per evitare il cesareo

Se alcuni pupetti già dalla morfologica sembrano fissi a testa in giù belli pronti per uscire, altri non ne vogliono sapere di posizionare la loro testolina dove dovrebbero!
Cosa possiamo fare e quando?
Il bambino normalmente si mette in presentazione cefalica tra le 32 e le 36 settimane. Nel caso ciò non avvenisse cosa possiamo fare? Sono numerose le possibilità, alcune le possiamo fare direttamente noi a casa nostra, altre necessitano dell'intervento di uno specialista.


1. POSIZIONI: alcuni esercizietti servono per aumentare l'apertura del bacino, facilitando quindi il pupetto a girarsi in posizione cefalica. Se il divertimento è un'altra cosa, la costanza nel farli è un must! Assumere queste posizioni una volta ogni due o tre giorni ha poco senso, fare invece questi esercizi un paio di volte al giorno può essere davvero risolutorio.
La prima posizione che vi vogliamo illustrare è quella di mettersi prima coricate a pancia in su con le gambe piegate contro il muro, poi attraverso la pressione dei piedi contro il muro si solleva il bacino.
Un secondo esercizio è quello di gattonare; si cammina quindi a 4 zampe per alcuni minuti, poi si fa una pausa per riposare gli arti, poi si ricomincia a gattonare e così via per circa 4-5 volte.

2. MOXIBUSTIONE: la moxibustione, comunemente detta moxa, è una tecnica di medicina cinese che consiste nella stimolazione di alcuni punti del piede attraverso un sigaro caldo. Il riscaldamento della zona prodotto dalla combustione dell'artemisia di cui il sigaro è composto, stimolerebbe il bimbo a modificare la sua posizione. Sul buon esito di questa pratica la comunità scientifica è abbstanza in disaccordo (come d'altronde per tutte le tecniche di medicina alternativa); la verità è che non ci sono controindicazioni alla pratica di moxibustione, perciò "tentar non nuoce"! Questa tecnica è normalmente praticata in autonomia a casa propria dopo essere stata insegnata da un operatore competente. Numerose ostetriche che effettuano la libera professione sono in grado di insegnare la moxibuzione a papà o nonne volenterose.

3. Agopuntura: effettuata da un medico agopuntore, consiste nella stimolazione di punti specifici del corpo attraverso sottilissimi aghi. Anche in questo caso la procedura è sicura e i risultati (come per l'induzione di parto attraverso l'agopuntura) sono davvero sorprendenti.

4. "La Manovra": è il termine comune per indicare la manovra di rivolgimento effettuata in ospedale da un ginecologo esperto sotto guida ecografica. Consiste nel tentativo di rivolgere manualmente il bambino verso il basso; i rischi ormai sono davvero bassi e i casi di successo sono numerosi. I pareri delle mamme che sono state sottoposte a questa manovra sono discordanti: alcune sostengono di non aver sentito dolore, altre invece lamentano di aver percepito molto fastidio. Il nostro consiglio è di parlarne accuratamente con la vostra ostetrica o il vostro ginecologo di riferimento e fare la vostra scelta (seguire anche il vostro istinto non fa mai male!).

Ti potrebbe interessare anche

Procreazione medicalmente assistita: figli preziosi?
Allattare dopo il cesareo
Io mamma Hbac. No hbac? No parto
La moxibustione per bambini podalici

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna