Storie di parto

Pur non amando particolarmente parlare di fatti strettamente intimi e personali voglio dedicare
queste mie storie alle altre donne che per mille motivi diversi decidono di prendere in mano il loro
corpo, la loro anima e la loro vita....
Son le storie dei miei bambini, della loro venuta nel mondo e del mio diventare mamma.
Storie di sofferenza, amore e riscatto..
La nascita di Sirio
Sirio nasce il 16 novembre, ora ha quasi cinque anni.
Un parto rapido, sterile, indolore... a livello fisico... la cui ferita sul mio addome rispecchia quella che ha bruciato nell´intimo della mia anima.
Il 15 novembre mi accorgo che "qualcosa" stava cambiando: dolori, "tiramenti", una strana ilarità e, perlomeno, la soddisfazione che il mio piccolino avrebbe deciso da solo la data in cui venire al mondo. Mi stringo a Leo iniziando ad accennargli che: "mi conviene mangiare, mi sa che poi per un po´..", "non andiamo a danzare, rilassiamoci, gustiamoci questi ultimi momenti da soli..."
Dopo cena ci mettiamo a letto accompagnati dalle prime contrazioni... Il sonno tarda ad arrivare e mi accorgo che i movimenti di Sirio si fanno sempre più rarefatti, decidiamo di andare in ospedale per una rassicurazione.
Inizialmente mi sento accolta, la ginecologa (quella che aveva "scoperto" Sirio podalico quindici giorni prima e che mi era stata molto vicina durante la fallita manovra di capovolgimento) è in turno quella notte. Mi attacca al monitoraggio e dice che Sirio sta bene e che le contrazioni sono regolari ogni 9 minuti! Mi rilasso e le dico che sarei andata a casa per farmi una doccia e prepararmi! Lì tutto cambia, la donna che mi aveva inizialmente rassicurato assume un ruolo più formale... Sono le 2 di notte..
La dottoressa Silvia afferma che bisognava prepararmi per un cesareo prima che le contrazioni aumentassero ed il tutto prendesse la "figura d´urgenza". Leo va a prendere la mia borsa e poi mi rimane vicino... Il terrore s´impossessa di me: inizio a piangere ed a battere furiosamente i denti, non è solo freddo, è terrore. Un´operazione per far nascere il mio piccolo, un ospedale (che nella
mia vita mi aveva visto solo come visitatrice) che mi priva della mia capacità decisionale ed il personale che non comprende: "la maggior parte delle mamme avrebbe pagato per avere un cesareo e non soffrire!". Io avrei pagato per il contrario.. La prima idea per far nascere Sirio era stato il parto a domicilio ed ora mi trovavo cateterizzata e rasata. Mi preparano ed alle 6 mi portano in sala operatoria, Leo non può entrare: "non è nella prassi dell´ospedale!". Io sono terrorizzata, mi chiedono se voglio qualcosa per rilassarmi. "No grazie, la spinale mi sembra più che sufficiente...". Posizione innaturale, ago da flebo, antibiotico, puntura in zona lombare e camice verde... una tenda tra me ed il mio bimbo, che avrei voluto vedere nascere.. Ossigeno, anestesista sgarbata, ginecologi che parlano di dettagli tecnici e cercano, maldestramente, di consolarmi per il mio parto non avuto: "il prossimo lo blocchiamo cefalico alla 28 settimana!", "che bacino stretto" o "e guarda come si era incanalato bene, fosse stato cefalico lo facevi in un attimo!".
Non ho il controllo di me, io e Sirio siamo nelle mani altrui per quello che dovrebbe essere l´evento più naturale del mondo.
Sento che tagliano, che cercano e tirano nel mio utero, credo che con un "aspirapolvere" assorbono il liquido amniotico.. Tirano.. Sirio è incanalato col culetto e la sua testa è incastrata nelle mie costole, mi salgono sopra con un braccio e spingono, il mio amore
scivola fuori e piange. "Piange, sta bene!", penso.. Tutto per un attimo si blocca, sento il calore e l´amore che sopraggiungono... L'ostetrica mi fa vedere Sirio: tutto il suo papà, è piegato a metà a causa della posizione.. Riesco a dargli un bacio: "Benvenuto amore!" e poi lo portano via....Sono stanca che mi tocchino, "Avete finito?". Sto bene ma non sento le gambe, Leo è a fianco a me, è l´effetto dell´anestesia, passerà.. Io non sento il mio corpo e questa cosa mi manda in bestia...
Il reparto è sovraffollato, entro in camera alle 16.00, esigo di vedere subito Sirio che si attacca al seno e ciuccia il suo latte.
Lo riconosco perchè in lui vedo mio marito.. Ma siamo stati lontani molto tempo... Impareremo ad amarci, col tempo.. La sera stessa Sirio è stato accolto dalle braccia del suo papà che adagiandolo tra le sue gambe e sopraffatto dall´emozione si è sfogato in un lungo e singhiozzante pianto.. Da lì ho iniziato a percepirmi strana.. Ero capacissima nell´accudimento materiale, nessuno doveva dirmi come e quando, veniva da sé.. ma non riuscivo a capire dov'era quest´amore tanto narrato. Per tutti i primi mesi mi sono sentita una mamma efficiente ma emotivamente poco coinvolta. Fino a poco tempo fa pensavo d´aver preteso troppo dal mio corpo e dal mio bambino sentendomi in colpa anche per questo. Da una parte ero quasi arrabbiata con questo piccolo che aveva deciso di sedersi lì e complicare un po´ la sua nascita, dall´altra mi chiedevo come avevo fatto a non sentire che lui si era girato e perchè non avevo interpretato i segnali che questa gravidanza mi aveva dato e che potevano condurmi, perlomeno a pensare, che la nascita di Sirio sarebbe stata diversa da quella sognata.
Per Sirio avevamo immaginato un parto in casa, avevamo contattato le ostetriche e fatto dei colloqui; poi piccoli problemi, prima di logistica e poi di salute avevano scoraggiato la nostra scelta ma questi incontri erano stati per noi una grossa presa di coscienza che ci conducevano ad un parto in una struttura pubblica con una grossa consapevolezza ed un animo battagliero! Poi Sirio podalico, alla 36 settimana ed un taglio cesareo alla 38 dopo moxa e manovra fallite..
Ad ora mi dico: un parto pieno di adrenalina. Dettato dalla paura e dallo strapparmi via il mio piccolo appena venuto al mondo... Forse l´essere efficiente nell´accudimento era un non pensare alla paura che mi stava travolgendo.. Io mi sono sentita solo impotente, sopraffatta da altro, non capita, privata di uno dei momenti che dovevano essere, di diritto, come io desideravo ed incapace di gridarlo.
La disperazione per un intervento che non volevo ed il tempo così repentino fra il capire cosa stava succedendo e l´arrivo delle prime contrazioni non mi ha permesso, nel marasma di sentimenti, di attuare o perlomeno di pensare ad un piano B. Fortunatamente, di fianco a chi pensava alla mia possibile scelta di far nascere Sirio in casa come "folle ed avventata", dicendo poi: "vedi il bambino ha scelto lui, menomale!", ho ed ho avuto accanto un compagno eccezionale (che mai si è trincerato dietro al non ti capisco), la mia mamma con la sua frase: "sarà un amore che che crescerà giorno dopo giorno, non ti preoccupare!", e donne, incontrate sulla mia strada con cui condividiamo pezzi di vita.
Ho iniziato un nuovo percorso di crescita stringendo mio figlio al petto ed iniziando a ringhiare a chi, senza ragioni, si metteva fra me e lui! Indubbiamente, da poco tempo a questa parte, sono più forte, ho capito di più di me e di lui.. ci siamo innamorati (o forse sto capendo che già prima lo amavo ma che non lo sapevo, che non me lo permettevo) passando da un amore tra me e Sirio ad un amore, ultimamente, che ci coinvolge tutti e tre e ci rende molto più potenti.. Sirio mi ha dato la forza per iniziare ad occuparmi di me e dei pezzi che rimanevano più bui della mia anima e notavo che più facevo pace con me stessa più quella brutta cicatrice
rossa ed in rilievo, si schiariva ed appiattiva. Ora so che noi tre cercheremo di accogliere altri piccoli e che, in ogni caso sarà diverso... Di sicuro saremo più pronti, l´ipotesi B sarà pensata e ripensata ma soprattutto sarà valutata a fondo la possibilità di un parto con rispetto dove il volere ma soprattutto il "sentire" della mamma e del papà vengano ascoltati non solo se gridati quasi a soffocare ma anche se solo sussurrati.
...Credo che trovare quest´attenzione alla persona sia raro ma incredibilmente indispensabile, per agire prima, per creare le basi di un innamoramento fra la mamma ed il suo piccolo, perchè io sono stata fortunata: avevo le capacità, le forze e dei buoni sostegni.. Non per tutte è così...
... Credo che la maternità vada sempre più tutelata non solo a livello tecnico ma anche a livello materiale e psico-emotivo...
...Credo che le donne vadano considerate e che vada loro data la possibilità di scelta...
...Credo, ora sempre di più, di poter fare qualcosa anch´io..

La nascita di Nevia Gaia
Guardo la piccola Nevia che sonnecchia serena e sorride alla vita che l´ha accolta con tanta generosità.. Una benedizione la piccola Nevia Gaia... perchè è nata in casa, più o meno nel punto dove son seduta io ora.. perchè ha potuto scegliere da sola quando separarsi dalla sua placenta.. perchè ha aperto e chiuso porte di altri mondi..e perchè giunge come bimba nata naturalmente dopo il suo fratellino venuto alla luce tramite un taglio sul mio ventre.. Con il mio compagno spesso sorridiamo: sono convinta che i bimbi arrivino dalla Luna scegliendo la coppia di genitori da cui atterrare..
Sirio, il nostro primo, ci ha portato delle sfide capaci di aprirci a quell´amore incondizionato di una
mamma ed un papà.. Nevia Gaia è giunta per regalarci grazia ed equilibrio.. E chissà cosa ci regalerà ancora la Vita tramite questi due cuccioli.. Imparo ad amare Sirio più o meno ai suoi due anni d´età grazie ad una psicoterapia ed alla formazione come doula... Non vuol dire che prima non volessi bene al mio piccolo ma di sicuro non era ancora quell´amore che, come fra gli animali, muove mamma lupa ad annusare in continuazione i suoi cuccioli ed ad ululare loro il suo amore..
In concomitanza con la scoperta di questo nuovo sentimento la cicatrice sul mio ventre si appiana e
schiarisce ed il mio utero, da lì a qualche mese, si prepara a far fiorire una nuova vita: Nevia Gaia...
Qui inizia l´avventura dettata dal sentirsi e dall´ascoltarsi: la consapevolezza di dare il giusto peso aisegnali che la mia pancia e la mia bimba mi donano e cercare di armonizzarmi con essi.
Sono un lungo percorso questi nove mesi: si aprono porte e se ne chiudono altre cercando di
arrivare alla venuta sulla terra di Nevia Gaia il più pronti possibili; un lungo, e spesso sofferto,
lavoro mio, di Leo (il mio compagno), di Sirio, degli avi, di alcuni rari amici e delle tre fattucchiere
che han condiviso con noi il momento della nascita: le ostetriche Annamaria e Rosa e la mia doula
Nathalie.
Sono sempre stata ansiosa di entrare in travaglio: sapevo che avrei fatto per due, che la venuta di
Nevia mi avrebbe permesso di vivere la venuta di Sirio. La traduzione concreta è stata un travaglio
sereno, a tratti difficile e lungo con podromi già partiti qualche tempo prima ed una mamma doula
decisa a seguire tutti i consigli della buona Ina May. La mattina del 16 ottobre sento di non sbagliare più: tutto si sta preparando.. Andiamo a camminare noi tre in attesa che le contrazioni divengano più regolari e ritmiche, siamo sereni ed una piccola anima sta preparando i bagagli per l´arrivo sulla terra..
Anche il pomeriggio lo passiamo camminando nel tiepido sole d´ottobre accolti dal bosco e dalle sue acque in compagnia della mia cara amica Elisa.. Scurendosi il cielo il tutto diviene più ritmico ed intenso, mettiamo Sirio a dormire ed attendiamo la venuta delle nostre tre fattucchiere.
La casa è magica: candele, erbe, presenze di altri mondi..
Tutto procede magicamente e serenamente: una grossa palla accoglie con me le onde del travaglio e Leo fa da contropeso dall´altra parte, sono tranquilla, serena, esco sul balcone e rimiro le stelle, loro
e la Luna ammirano per l´ultima volta la pienezza del mio ventre.
Chiedo a Rosa ed Annamaria di visitarmi e mi assale lo sconforto: un dato concreto contrasta con la
mia voglia che il travaglio procedesse e che la mia bimba potesse nascere con le luci dell´alba...
E´ notte fonda. La dilatazione è di 2/3 centimetri ed io ho paura dell´enorme stanchezza che si sta
prendendo parte di me. Se tutto deve procedere così voglio l´ospedale ed un altro cesareo..
Annamaria mi rafforza raccontandomi ancora che i 3 ed i 4 centimetri son la dilatazione più dura
per il mio utero lesionato.. Che tutto poi andrà meglio e partirà da sé.. Mi offrono di riposare un po´
tra le contrazioni che pian piano si distanziano per permettermi di riprendere forze..
Con le dolci parole di Rosa e il sostegno della mia doula ricomincio la mattina con nuova forza e
piena d´ottimismo.. Sirio va dalla nonna e rimarrà con lei tutta la giornata ascoltando la nascita della sorellina dal piano di sotto.. Anche la mattinata procede serenamente, Annamaria dona al mio compagno burro di karitè per agevolare l´ammorbidimento del canale vaginale.. Accompagno le onde fra la palla ed il water.. Il parto estatico esiste.
Verso mezzogiorno vengo incitata a camminare, io preferirei stare accovacciata.. Andiamo avanti così per un po´ ma Nevia ancora non nasce.. Il clima si fa più teso e la mia stanchezza aumenta, Rosa ed Annamaria mi incitano a tenere la posizione eretta per sfruttare la forza di gravità, vorrei stare inginocchiata e vivo la cosa come una forzatura.. Mi sento veramente esausta e si capisce che c´è dell´altro.. Leo inizia ad avere paura e Nathalie lo sostiene.. Il collo del mio utero incapuccia la testina della mia piccola e delle aderenze sulla cicatrice pare la trattengano.. Si usa la voce, da una lettera O che mi accompagnava nelle onde precedenti subentra una A: devo aprirmi, devo stare in piedi e non ne ho le forze.
Non basta.. Devo fare pace col mio utero.. So che tutti sono preoccupati, che mia madre sta ascoltando la sua bambina gridare per dar la vita.. L´idea che il mio piccolo Sirio sta vivendo il travaglio della sua mamma al piano di sotto mi fa trovare la forza per lottare contro la possibilità che si debba finire in ospedale: sarebbe una bruttissima delusione..
Mamma lupa che prima che per se stessa lotta per i suoi cuccioli: da mio copione..
Che lavoro! Mai avrei immaginato una costellazione familiare durante il travaglio.. Grazie alle
ostetriche fattucchiere faccio pace con quella parte di me ferita: non è una parte a sé stante, sono io
ferita, il mio utero sono io ed ho paura, forse, d´accogliere quell´essere che tanto ha esaudito i miei
desideri..
Le ostetriche ai miei piedi, Leo e Nati che mi sostengono ed io mi abbandono, non mi pare neppure
di spingere: lei sa e sembra far tutto da sola.. Sguscia fuori la testina rompendo il sacco, poi il
corpicino.
Nevia Gaia nasce alle 18.00 con le luci del tramonto. Mi siedo e l´accolgo fra le mie braccia.. Voglio Sirio.. Lui estasiato vede la sorellina: "Ciao Nevia!", vede anche il sangue che accompagna la vita e vede avi che a noi è permesso solo di sentire.. Dopo mezz´ora nasce anche la placenta di Nevia, non infliggiamo una ferita e la lasciamo alla sua proprietaria.. Si staccherà da sola, al quarto giorno permettendo alla piccola d´atterrare e conquistare serenità.

Amo i miei figli e quel grand´uomo del loro papà, senza il cui completo appoggio sarebbe stato molto più complesso.. Oggi Nevia Gaia ha un anno e mezzo.. Ho fatto due travagli e due puerperi; il mio corpo sedato col cesareo, ha qui dato il peggio (o meglio?) di sé: piccoli problemi che mi hanno permesso di "buttare fuori" e ripulirmi.. Nevia è davvero una bimba lotus nata in modo rispettoso.
Con lei mi è stato possibile provare amore dal primo momento.

Cora Erba
Pedagogista e Doula
3391206776

immagine tratta da homebirthaustralia.org

 

 

Ti potrebbe interessare anche

Parto in arrivo, appunti di viaggio per donne in camicia da notte anche di giorno
Reparti maternità: quando il parto vaginale viene spacciato per parto naturale
Cosa significa partorire in casa maternità
Il parto in acqua: cos'è, quando è possibile farlo e quali sono i benefici
Morire di parto in Italia: quello che c'è da sapere
Il manuale della brava partoriente: 1. E' stata brava, non ha neanche urlato
Io mamma Hbac. No hbac? No parto
Sulla violenza
Episiotomia, un aiutino "tua sorella"
Ma fai un cesareo dai!

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter