Il parto in casa

Argomento sempre discussissimo e che scatena le polemiche di esperti e non.

“Il parto in casaaaa? Ma sei pazzaaaa? Non è sicuro!”

Questa, di solito, è la reazione di tante mamme e donne a cui presento l’opzione di dare alla luce il proprio bimbo al di fuori delle mura ospedaliere.

Dunque, sfatiamo un mito: il parto in casa è sicuro tanto quanto quello in ospedale nel momento in cui la gravidanza e il travaglio si mantengono fisiologici.

Questo non lo dico io, ma lo dice l’OMS.

Poi è indubbio che il parto spaventi gran parte della popolazione, tante future mamme hanno paura del dolore, di metterci troppo tempo, che il piccolo soffra, di perdere il controllo etc, etc…

A volte bisogna sapersi fidare del proprio corpo, delle proprie capacità ed affidarsi alla natura… se non ci siamo estinti (e per millenni le donne hanno partorito dappertutto: giungla, capanne, igloo, in casa, in campagna, in acqua) forse il parto extra-ospedaliero non è poi così assurdo. Basti pensare che in Inghilterra e in Olanda c’è il 15% di parti in casa (e non rientrane nelle specie protette né gli inglesi, né gli olandesi!)

Siamo nel 2014 e, ad oggi, è inaccettabile che si rischino delle complicanze gravi visto che spessissimo si può intervenire e salvare la situazione. D’accordissimo.

La verità sta nel mezzo, come sempre.

Il travaglio e il parto in casa sono una risorsa perché (non dovendo sottostare ai rigidi protocolli ospedalieri) i tempi di quella coppia mamma-bambino possono esprimersi in tanti modi e le ostetriche che assistono in casa lo sanno, non hanno mai visto un travaglio uguale all’altro perché ogni utero ha un ritmo e un tempo adatto al bimbo che sta ospitando.

Troppo spesso in ospedale si assiste a travagli accelerati con ossitocina sintetica perché “la dilatazione non è perfettamente come ci si aspetta” o peggio ancora “tra non molto finisco il turno, acceleriamo un po’ i tempi”… il rischio è che si interferisca con il naturale percorso di quel travaglio.

Esistono anche ospedali in cui non si è così quadrati e dove si lascia lo spazio necessario alle contrazioni e alla coppia mamma-bambino di fare un percorso armonico, in equilibrio.

Ci sono dei requisiti per poter partorire in casa?

Certo:

  • Gravidanza a termine tra le 37 settimane + 1 giorno e 41settimane + 6giorni
  • Devono esserci 2 ostetriche
  • La gravidanza deve essere a basso rischio ostetrico
  • Feto singolo in presentazione cefalica
  • Peso previsto tra 10° e 90° percentile
  • Assenza di patologie fetali e materne note
  • Placenta normo inserta
  • Insorgenza di travaglio spontaneo
  • Liquido amniotico limpido alla rottura delle membrane
  • Rottura delle membrane non superiore alle 24 ore
  • Tampone vagino-rettale negativo
  • Domicilio della donna non distante più di 20 minuti dal centro ospedaliero di riferimento

Non condanniamo chi ha scelto di partorire in casa additandola come “una pazza”, è una scelta consapevole, personale e come tale va rispettata, magari non verrà condivisa, ma merita di essere accolta.  

Ostetrica Silvia Bianchi

Ti potrebbe interessare anche

Gravidanze vicine? Il rischio è il parto prematuro
Parto in arrivo, appunti di viaggio per donne in camicia da notte anche di giorno
Nascita, le tradizioni intorno al mondo
Agopuntura per i prodromi e il travaglio
Reparti maternità: quando il parto vaginale viene spacciato per parto naturale
Qual è il momento giusto per andare in ospedale
Cosa sono il secondamento e la placenta
Cosa significa partorire in casa maternità
Il parto in acqua: cos'è, quando è possibile farlo e quali sono i benefici
La fotografia in sala parto: emozione allo stato puro
Morire di parto in Italia: quello che c'è da sapere
Il parto è come il sesso: tu riusciresti a fare sesso con gente che ti interrompe?

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter