L'acqua in e della gravidanza

L'acqua è l'elemento del nostro bambino, vi è immerso, ci sguazza, conosce attraverso di essa.
Sapevate che il liquido amniotico veicola anche sapori e odori? Forse sì ma è importante sapere che il feto riceve tutti questi stimoli perché le abilità sensoriali si sviluppano quasi da subito e si perfezionano nei 9 mesi per poter essere completamente ricettivi rispetto agli stimoli alla nascita.
Anche la memoria delle esperienze ovvero di gusti, sapori, odori e delle esperienze tattili (il famoso pollice succhiato in eco o il tener tra le mani il cordone) caratterizza tanto il periodo fetale quanto quello neonatale.
Vi sarete infatti sentite dire che anche i cibi più pesanti o particolari se assunti in gravidanza poi possono essere tranquillamente assunti in allattamento perché le caratteristiche di diversità che conferiscono al latte sono nella memoria del nostro bambino e quindi già conosciute.
Il liquido amniotico veicola anche particelle del feto (capelli, cellule dell'epidermide) permettendoci così di fare, ove necessario, indagini genetiche e mediche sulla salute del feto (amniocentesi).
È anche la cassa acustica del bambino... avete mai ascoltato musica in acqua? Mentre siete immersi? È bellissimo... il suono giunge trasmesso dall'acqua sia come onde sonore che arrivano all'orecchio sia come movimenti dell'acqua che arrivano al corpo... che magia! Per questo in gravidanza suggerisco di ascoltare tutti i tipi di musica, non solo la classica (che forse a scopi commerciali e di arricchimento culturale ci hanno fatto credere essere la migliore per il feto!)... bellissimo Mozart in acqua ma pensate ai Blink o ai Queen... come bassi, percussioni e voce possono muovere l'acqua e come possono essere stimolanti tale onde sonore per il corpo del cucciolo.
Acqua, acqua, acqua... un elemento formidabile, di una forza e una dolcezza totali che permette tutte le esperienze sensoriali del feto, che ne permette il movimento, che lo culla e coccola quando noi ci muoviamo, che permette indagini mediche, che indica lo stato di benessere di quella gravidanza.
Io da quando ho avuto i miei figli non mi sono più approcciata all'acqua nello stesso modo e ho compreso come in quasi tutte le culture e religioni sia l'elemento che porta alla Divinità.
L'importanza dell'idratazione in gravidanza sta anche nella possibilità per il fto di avere sufficiente liquido amniotico (anche se non tutto è da ricondurre alla produzione attraverso l'idratazione materna), qualche anno numerosi studi hanno confermato come aumentando l'idratazione materna in 24 ore anche la quantità di liquido amniotico aumentasse di conseguenza.
Bere 2 litri e oltre di liquidi al giorno in gravidanza dovrebbe essere la normale prassi per garantire il benessere materno fetale.

Ostetrica Silvia Bianchi

www.acasaconte.com

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna