I movimenti fetali

La cosa che mi piace di più quando sono in gravidanza è sentirlo… sentire il bambino che si muove nel grembo ha valenze positive che vanno dalla rassicurazione che lui o lei esistono, che stanno bene alla conferma per la donna di essere “potenza creatrice”, di avere davvero dentro se una vita nuova e diversa.

Ma quando un bambino inizia a muoversi dentro il grembo materno? Come? Perché?

I primi movimenti fetali compaiono, non percepibili dalla madre, già tra la settima e l’ottava settimana di gestazione.

Sono inizialmente semplici e “non finalizzati” mentre via via che le settimane gestazionali avanzano crescono nel numero, nella complessità del gesto e anche nell’essere a volte tesi all’apprendimento.

Tipo?

Bè tipo la classica “foto-ricordo” da ecografia ovvero il bambino che mette il pollice in bocca per succhiare!

Nella pancia della mamma, dove i movimenti avvengono in acqua, i bambini sperimentano allungamenti, stiramenti, deglutizione, sussulti, contatto con pareti soffici e calde, o con il lungo e pulsante cordone. 

Alcune donne avvertono i movimenti fetali ad epoche gestazionali molto precoci, spesso come “bollicine” o “farfalle nel basso ventre”.

Generalmente i primi figli si sentono un pochino dopo rispetto alle gravidanze successive alla prima.

Volutamente non indico le settimane gestazionali alle quali potreste sentirlo/a… non credo sarebbe vantaggioso.

Vi sentireste, magari, inadeguate o vi preoccupereste per nulla.

Credo invece sia molto più importante dire che se vi prenderete cura di voi e della vostra gravidanza come dovreste ovvero rispettandone le caratteristiche di fisiologia lo sentirete prima e meglio… fare molte ecografie o visite potrebbe portarvi ad essere meno in contatto con il vostro corpo e il vostro bambino.

 

Ostetrica Veronica Pozza

 

 immagine tratta da timandlaura.wordpress.com

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter