Cosa c'è nella nostra pancia in gravidanza

Il vostro piccolo fa un viaggio di ben 9 mesi prima di potervi finalmente incontrare, fortunatamente non è da solo in questo cammino!

Andiamo a conoscere meglio i suoi compagni di avventura:

  • Il cordone ombelicale o funicolo è formato da 3 vasi sanguigni (una vena e 2 arterie) avvolti e protetti da una gelatina biancastra che serve a ridurre in rischio di compressione dei preziosi vasi e evita la formazione di nodi veri.

Appena il vostro piccolo avrà la possibilità di usare al meglio le manine potrà manipolarlo e giocarci! Il funicolo ha una lunghezza variabile di circa 55 cm e a volte è possibile che se lo giri attorno al proprio corpicino.

Dal cordone può sentire il flusso di sangue che gli arriva dalla placenta.

  • La placenta è un organo meraviglioso (magari non tutte la penserete come me!) che fa da tramite tra voi e il vostro piccolo, gli permette di avere tutte le sostanze nutritive necessarie per affrontare questo lungo viaggio!

È molto importante in quanto produce gli ormoni che sostengono il progredire della gravidanza: il progesterone, la gonadotropina corionica e gli estrogeni.

Ma com’è fatta questa placenta? Assomiglia ad un grosso hamburger crudo (…fantastico, da oggi non ne mangerete più nemmeno uno!), le dimensioni variano a seconda del peso del vostro bimbo e al centro (o leggermente spostato) troviamo il nostro amico funicolo che sappiamo arrivare fino all’ombelico del piccolo.

In tante culture è considerata la sorella del bambino, crescono insieme e nascono a pochi minuti di distanza…

Ai margini della placenta troviamo due foglietti sovrapposti che formano un sacchetto.

  • Le membrane amniotiche limitano il minuto ma accoglientissimo mondo del vostro bimbo! Sono 2 foglietti sottili ed elastici che formano una sacca per contenereil liquido amniotico in cui nuota il nostro piccolo viaggiatore in compagnia del suo amico Funicolo.

Le membrane rimangono intatte (da manuale di ostetricia) fino al momento della nascita ma sappiamo che a volte si possono rompere prima “OH! Ho rotto le acque!”.

  • Il liquido amniotico è il mare in cui il piccolo può muoversi e girarsi ed è protetto da possibili traumi esterni (è come se fosse un cuscino). È un fluido caldo che viene prodotto dai vasi della placenta, dalle membrane amniotiche e dal bambino stesso (è semplicemente l’urina del piccolo), ce n’è a sufficienza per permettergli di stare bene anche quando si rompono le membrane. La quantità di liquido viene valutata durante la gravidanza ed è considerato un elemento per valutare il benessere fetale.

Da cosa è composto? Principalmente da sali minerali, amminoacidi, lipidi, acqua e proteine e con il procedere della gravidanza la concentrazione di questi componenti cambia a seconda dell’epoca gestazionale. Ogni 2 ore il liquido amniotico è totalmente nuovo: le membrane amniotiche lo riassorbono e il vostro bimbo lo deglutisce per poi produrne ancora!

 Ostetrica Silvia Bianchi

www.acasaconte.com

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Le vene varicose durante la gravidanza
Prevenire la toxoplasmosi in gravidanza
Gravidanza, la spa in casa con il pancione
Gravidanze vicine? Il rischio è il parto prematuro
La gravidanza e la nascita nelle tradizioni nel mondo
Come organizzare gli spazi di casa quando arriva un bebè
Come fare per allattare quando si è incinta
Gli esami da fare nel primo trimestre di gravidanza
Il bambino nel secondo trimestre
10 idee per comunicare la notizia al papà
Qual è il momento giusto per andare in ospedale
Il feto nel primo trimestre

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter