Le erbe e le vitamine amiche della fertilità

Uno stile di vita sano, una dieta equilibrata e la tranquillità d'animo sono i primi ingredienti della ricetta della fertilità. Ma oltre a questi accorgimenti di cui vi abbiamo parlato c'è anche un altro modo per aiutare il nostro organismo a prepararsi all'arrivo di un bambino e a renderlo più fertile.

Se non sono presenti problemi patologici, se non si stanno assumendo ormoni o se non si sta seguendo una terapia specifica per la fertilità (meglio non mischiare mai!), alcune erbe e piante possono infatti aiutare sulla strada verso il concepimento; lo sapevate?

Ecco le erbe e le vitamine amiche della fertilità: dal dente di leone alle foglie di lampone, le piante che possono aiutare se siete alla ricerca di un bambino

In infusi o tisane, o semplicemente assumendo i frutti freschi, queste piante si rivelano davvero efficaci quando si è alla ricerca di una gravidanza. Grazie alle loro vitamine e alle loro proprietà, esse aiutano infatti la donna a prepararsi al meglio all'accoglienza, a rendere i suoi organi riproduttivi più ricettivi e a depurare l'organismo in vista di una nuova vita.

1. Il dente di leone, ad esempio, contiene, oltre a svariati minerali utili alla buona funzionalità del corpo, moltissima vitamina A e vitamina C. La radice è ottima per depurare dalle tossine e per aiutare il fegato, mentre le foglie, in infusi, sono un ottimo diuretico.

2. Se siete affette da endometriosi potete aiutarvi con del trifoglio rosso. Le sue vitamine e proteine hanno un'azione benefica sull'utero, mentre il calcio e il magnesio contenuti rilassano. Inoltre i minerali che lo compongono sono quasi tutti essenziali per un buon funzionamento ormonale.

3. Stiamo sempre sul colore rosso, ma stavolta con il lampone. Anzi, con le foglie del lampone, da assumere o in capsule o, meglio ancora, come infuso. Utile tanto per il concepimento quanto prima del parto, questa pianta ha davvero moltissimi nutrienti, e il calcio che contiene è un toccasana per la tonicità dell'utero.

4. Di questa pianta beneficeranno sia la futura mamma che il futuro papà: parliamo dei semi di lino e dell'olio che ne deriva. L'olio di semi di lino, ricchissimo di Omega 6 (grassi buoni), di vitamina B e di vari minerali importantissimi (magnesio e zinco), oltre che di proteine, si rivela un rimedio ottimo contro i problemi di infertilità legati alla carenza di estrogeni nella donna e al cattivo stato degli spermatozoi nell'uomo.

5. L'ortica, da gustare in buonissimi infusi oppure da cucinare secondo il proprio gusto, ha un altissimo contenuto di minerali. La sua clorofilla, contenuta in grande quantità, ha benefici incredibili sui reni e sulle ghiandole surrenali, e ciò si traduce anche in una depurazione profonda. Riduce lo stress, tonifica l'utero e, prima del parto, grazie alla vitamina K riduce il rischio di emorragie.

6. Per bilanciare i livelli ormonali, il cui disequilibrio è spesso causa di infertilità, la maca, o ginseng peruviano (anche se con il ginseng che conosciamo non ha niente a che fare), detta anche pianta della fertilità e del desiderio, agisce proprio a questo livello. Energizzante naturale, viene dalle Ande e le sue proprietà benefiche sull'apparato riproduttivo, maschile e femminile, sono note da sempre. Essa infatti aiuta la donna a ristabilire i livelli di estrogeni, mentre nell'uomo agisce come vero e proprio energizzante del liquido seminale. Unico accorgimento per la donna: meglio assumerla (in polvere o capsule) solo dall'inizio del ciclo mestruale fino all'ovulazione, per evitare problemi in gravidanza.
La maca aiuta anche il desiderio e contrasta l'impotenza, e questa funzione la assume anche la damiana, conosciuta appunto perché afrodisiaca. Bilancia i livelli di ormoni nell'organismo, regola il sistema nervoso e stimola gli amanti a livello riproduttivo: un'azione completa!

Insomma, sono molti i minerali e le vitamine necessari alla buona salute dell'apparato riproduttivo e fondamentali per stabilizzare i livelli ormonali. In particolare, in vista di una gravidanza, fate attenzione ad apportare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno variando di colore (quindi evitiamo di mangiare solo banane e zucchine), cereali integrali e legumi e cercate di assicurare al vostro corpo il giusto apporto di vitamina D (utilissima alla fertilità), vitamina C (antiossidante benefico tanto per la donna quanto per l'uomo), folati (diversi dall'acido folico - altrettanto fondamentale -ma necessari per stimolare l'ovulazione e per aiutare la riproduzione cellulare del bambino in gravidanza), zinco, selenio e vitamina B.

La redazione di mammapretaporter.it

 

Ti potrebbe interessare anche

10 idee per comunicare la notizia al papà
I nostri consigli per la fertilità: dall'alimentazione al movimento
Le paure delle mamme sul sesso quando si è incinta
Yoga per la fertilità

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna