Gli atelier di Reggio Children

Vi abbiamo già spiegato di cosa si tratta quando parliamo dell'Atelier nell'ambito dell'approccio pedagogico Reggio Approach: l'Atelier, il laboratorio creativo, e l'Atelierista, il maestro d'arte, sono figure fondamentali perché il bambino si esprima con tutti i cento linguaggi che gli appartengono.

Entriamo ora nel dettaglio degli Atelier di Reggio Children: il Centro Internazionale Loris Malaguzzi ne ha alcuni aperti al pubblico, e sono davvero interessanti.

“L’Atelier (...) ha prodotto un’irruzione eversiva, una complicazione e una strumentazione in più, capaci di fornire ricchezze di possibilità combinatorie e creative tra i linguaggi e le intelligenze non verbali dei bambini, difendendoci non solo dalle logorree (...) ma da quella pseudocultura della testa-container che (...) è il modello che dà al tempo stesso la maggiore impressione di progresso culturale e la maggior depressione dal punto di vista dell’aumento effettivo della conoscenza”.
Loris Malaguzzi

"Dalla fine degli anni ‘60 nelle scuole dell’infanzia del Comune di Reggio Emilia è stato inserito lo spazio dell’atelier e la figura dell’atelierista, un “insegnante” con competenze di natura artistica" troviamo raccontato nel sito di Reggio Children. "In questo modo i linguaggi espressivi e poetici sono diventati parte del processo attraverso il quale si struttura la conoscenza stessa. L’Atelier diviene quindi il luogo della ricerca, dell’invenzione, dell”empatia, che si esprime attraverso “100 linguaggi” e che espandendosi oltre l’età dell’infanzia comprende anche l’età adulta, fino all’anzianità." Così la figura del'atelierista nelle scuola di Reggio affianca quello delle insegnanti affinchè il bambino davvero possa sviluppare i suoi 100 linguaggi di cui parla Loris Malaguzzi e sia messo nelle condizioni di fare, non solo di assimilare passivamente. Se inizialmente ogni scuola aveva un atelier, ora l'approccio è quello di creare numerosi mini atelier all'interno delle strutture affinche l'atelier non sia solo un luogo ma uno strumento reale di insegnamento a 360°. 

Ma cos'è Il Centro Internazionale Loris Malaguzzi? Innanzitutto, il Centro Internazionale Loris Malaguzzi, inaugurato nel 2006 a Reggio Emilia (e completato nel 2012), è un luogo di sperimentazione, educazione e cultura aperto a tutti coloro interessati all'innovazione dell'approccio pedagogico. Al centro stanno, come sempre, i bambini, ma è aperto alle famiglie e a tutta la comunità, protagoniste anch'esse della crescita dei ragazzi.

All'interno di questo bellissimo centro (aperto a tutti dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17) si trovano, appunto, alcuni atelier. Si tratta degli Atelier Cittadini: oltre all'Atelier Raggio di Luce, del quale parleremo tra poco, è possibile visitare la sala mostre Marco Guerra, il Centro di documentazione e ricerca educativa dei nidi e delle scuole comunali dell'infanzia di Reggio Emilia, l'Auditorium Annamaria e Marco Guerra, lo Spazio Ricerca e Innovazione e gli spazi per le pause (come l'Atelier dei Sapori composto da bar, ristorante e bookfoodshop).

L'Atelier Raggio di Luce (aperto su prenotazione dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17.30 e la domenica dalle 16 alle 18.30) è uno spazio interamente dedicato ai bambini, alle famiglie e alle scuole che intendono immergersi nella sperimentazione, nella ricerca e nella creatività. Protagonista nell'Atelier è la luce (elemento fondamentale, insieme alle ombre, dei progetti educativi reggiani) in tutte le sue forme: indagando ed esplorando questo soggetto i bimbi possono meravigliarsi, incuriosirsi, approfondire ed esprimere tutta la loro creatività. Attraverso l'arte luminosa, i fenomeni curiosi e dei percorsi divertenti, l'intento è quello di esplorare la luce come fenomeno scientifico in maniera più creativa, senza un approccio definito o prefissato, ma attraverso un'esperienza aperta.

Altro Atelier visitabile è quello nato in seno al progetto Pause - Atelier dei Sapori. La cultura alimentare è fondamentale per formare adulti consapevoli, e impararla fin da piccoli permette una comprensione più profonda attorno alla cura del benessere, della salute e del piacere di ogni soggetto. I diversi Atelier I linguaggi del cibo, attuati di nuovo presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi (anche qui solo su prenotazione), propongono diverse esperienza multidisciplinari sul tema del gusto e dell'alimentazione.
Come per gli altri Atelier, tenuti in collaborazione con esperti dei settori trattati, ad accompagnare i partecipanti ci pensano pediatri, cuochi, ricercatori, ristoratori e agricoltori.

Di volta in volta, il Centro propone Atelier tematici nell'ambito del progetto; ad esempio, domenica 13 dicembre sarà possibile partecipare all'Atelier "Ti mangio e non ti scarto: idee dolci per Natale" a cura di Marzia Anceschi e Ivano Pantaleo, cuochi dei nidi e delle scuole dell'infanzia di Reggio, al quale seguirà un pranzo dedicato a Santa Lucia presso Pause-l'Atelier dei Sapori.

Per tutti gli appuntamenti visitate la pagina http://www.reggiochildren.it/bambinialcentro, o tenete controllata la pagina facebook ufficiale del centro: https://www.facebook.com/lorismalaguzziinternationalcentre

Sara Polotti

 

Ti potrebbe interessare anche

La hanging art delle scuole di Reggio Emilia
10 meravigliosi spazi sensoriali in stile Reggio Children da cui prendere ispirazione
Il light panel, lo strumento perfetto per imparare
Il ruolo dei genitori nelle scuole di Reggio
Ispirazioni dai meravigliosi ambienti delle scuole di Reggio
3 approcci alla scuola sconosciuti in Italia e che tutto il mondo imita
5 giochi ispirati al Reggio Approach
Divertirsi con la matematica ispirandosi ai "Reggio Children"
Reggio Children, un approccio pedagogico in cui al centro sta il bambino
Il Muba di Milano

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter