I consigli Montessori per una casa a misura di bambino

Secondo il metodo Montessori le attività dentro casa sono fondamentali per incrementare l’indipendenza del bambino e per renderlo partecipe delle piccole azioni quotidiane, come sistemare i vestiti, i piatti e i bicchieri. Vediamo allora come fare ad allestire una casa a misura di bambino in sei semplici passaggi.

All’interno della casa, tutti i bambini sperimentano l’ambiente che li circonda, si incuriosiscono e sono sempre attenti alle molteplici attività che i genitori svolgono tra le mura. Secondo il Metodo Montessori, anche la casa deve essere allestita in modo tale da creare per lui un ambiente confortevole, stimolante e creativo.

Bastano, infatti, semplici e piccoli accorgimenti ed ecco che la casa si trasformi nell’ambiente perfetto per aiutare l’indipendenza, lo sviluppo motorio e cognitivo del bambino proprio attraverso le attività quotidiane e familiari.

Ve ne proponiamo sei, sei consigli di ispirazione montessoriana da mettere in pratica tra le mura di casa e che rispondono all’esigenza del bambino di darsi a diverse attività pratica per sviluppare intelligenza, indipendenza e curiosità.

1. Creare all’interno della casa dei punti di riferimento

All’interno dell’ambiente domestico è importante la presenza di punti di riferimento per il bambino, per aiutarlo a essere autonomo e indipendente non appena entra in casa. Questo significa, per esempio, allestire un gancio ad altezza bambino per fare in modo che il piccolo possa togliersi da solo la sua giacca, oppure tenere a portata di bambino una sacchetta in cui potrà riporre in autonomia sciarpa e cappello.

2. Lo spazio per i vestiti

Secondo il metodo Montessori è importante accompagnare il bambino a vestirsi, senza mai sostituirsi alla sua autonomia. I bambini dovrebbero cominciare, il prima possibile, a infilarsi maglie e giacche, sotto l’occhio attento del genitore che interverrà solo se necessario e per aiutarlo. Per questo motivo i vestiti dovrebbero sempre essere riposti a portata di bambino, magari su ripiani e all’interno di un armadio basso in miniatura.

3. Scaffale per i piatti in cucina

La cucina è un ambiente perfetto per coinvolgere il bambino nelle attività domestiche di tutta la famiglia. Un piccolo trucco per aiutarlo meglio per renderlo partecipe in cucina, per esempio, è riporre parte delle stoviglie in un punto della cucina in cui il bambino possa, da solo, prendere un piatto e portarlo a tavola.

4. Panno per le pulizie di casa

E se, nel week end e durante la settimana, siete indaffarati nella pulizia di casa, cercate di coinvolgere in questa attività anche il vostro bambino. Basta mettere a disposizione del piccolo anche un piccolo panno e lasciare che vi aiuti, nel suo piccolo, nelle faccende domestiche.

5. Il lavello a portata di bambino

Un altro modo per coinvolgere il bambino nelle attività domestiche è renderlo partecipe anche del lavaggio di piatti, tazze e bicchieri. Basta posizionare un pedana a un’altezza tale che il piccolo possa accedere direttamente al lavandino e a una bacinella che sarete voi a mettere a sua disposizione. In questo utilissimi sono gli sgabelli montessoriani.

6. La cura delle piante di casa

Un buon modo per aiutare il piccolo a essere indipendente e autonomo è affidargli la cura di una piantina. Ne basta anche una di piccole dimensioni, che il bimbo possa accudire e annaffiare anche una volta alla settimana.

La redazione di mammapretaporter.it 

Ti potrebbe interessare anche

Come organizzare gli spazi di casa quando arriva un bebè
10 motivi per trascorrere la vigilia di Natale a casa senza parenti
10 idee per rendere Scandi il vostro Natale
9 idee per spazi compiti stilosi e organizzati

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna