Come aiutare i bambini a preparasi per la scrittura

Per Maria Montessori l'apprendimento dei bambini passa anche e soprattutto attraverso le loro mani. Un insegnamento provato concretamente sarà recepito molto meglio rispetto alla mera spiegazione. Imparare ad usare le manine, coordinandole con gli occhi, è passo necessario e propedeutico per un'educazione completa e meno faticosa, in quanto il primo insegnamento passa proprio attraverso esse.

La manualità dei bambini dev'essere quindi costantemente stimolata, affinché si acquisiscano la coordinazione e la confidenza necessarie per diventare indipendenti e sapersi muovere nel mondo, imparando tutto ciò di cui si ha bisogno.

Le attività proposte di seguito sono ampiamente utili anche per preparare i bambini alla scuola elementare: così anche nei primi anni di primaria (invece di interminabili ore a colorare schede o a scrivere la lettera "a" in corsivo o ancora peggio a copiare frasi alla lavagna come esercizio di manualità fine) è possibile, anzi auspicabile, inserire a casa (e alcune di queste come cucire anche in classe) queste attività. 

Dovremmo far conoscere a tutte le mestre questa possibilità così da limitare le solite proposte del copiare frasi dalla lavagna, scrivere e riscrivere mille volte le lettere e colorare schede. 

Vi proponiamo 8 attività per sviluppare la manualità fine del vostro bambino: come aiutare i bambini a preparasi per la scrittura

 

1. Cucire

Ve ne avevamo già parlato, e parlando di manualità fine questa attività così bella e tradizionale torna proprio a nostro favore: cucire stimola il bambino a svolgere i compiti in maniera ordinata e precisa e le sue mani devono coordinarsi finemente con il cervello. Così Tommaso alla scuola San Giuseppe di Meda cuce con un'ago di plastica: disegnano la lettera sul foglio, la punteggiano (i punti hanno distanza pari tra loro, in questo modo allenano la loro capacità di contare) poi fanno passare ago e filo. 

 

2. Ordinare le palline

Preparate in maniera montessoriana (quindi ordinata e delimitata su di un vassoio) alcune palline colorate e un portasapone antiscivolo (di quelli con tante piccole ventose concave). Prima, con le manine, il bambino riempirà tutti gli spazi ordinando le palline. Poi, una volta eseguita la prima consegna, proverà a riempirli utilizzando una pinzetta con la quale afferrerà le palline.

 

3. Usare il contagocce

Utilizzando di nuovo il portasapone sul vassoio, preparate un contagocce riempito con acqua colorata. Il bambino dovrà nuovamente riempire gli spazi concavi ma stavolta con il liquido: il gesto che il contagocce permette di fare è davvero fine e di precisione.

  

Foto Credits:  http://www.thefreechild.blogspot.it/2013/02/the-hand-and-its-tools.html

 

4. Aiutare in cucina

Approfittarne dei momenti di preparazione dei pasti è una buonissima idea. Il bambino, allo stesso vostro livello grazie ad uno sgabello, potrà aiutarvi con tutte le attività di contorno della preparazione: macinare il sale con il macinino, pestare il basilico, setacciare la farina, dare la forma alla pasta frolla, eccetera. Così facendo allenerà la sua motricità più fine e al contempo imparerà attività che gli serviranno per la vita di tutti i giorni.

 

5. Ritagliare

Non consideratelo pericoloso: esistono forbici in commercio davvero sicure. Ma soprattutto pensate che sarebbe molto più pericoloso non insegnare al vostro bambino ad utilizzare uno strumento così necessario nella vita di tutti i giorni! Prima impara e meglio è. In più, pensateci, è un'attività economica, semplice e che si presta a infinite declinazioni.

Iniziate con il fare loro ritagliare figure stampate abbastanza ampie, e piano piano passate a giochi più fini, come ad esempio le tradizionali bamboline in fila ritagliate da vecchi giornali o quelle a cui applicare i vestitini di carta (non solo per bambine! I maschietti potranno ritagliare supereroi e personaggi dei cartoni).

Foto Credits: http://solorecortables.blogspot.it/2010/02/munecas-de-papel-que-marcaron-historia.html

 

6. Infilare le palline

Creare collanine o animaletti (come vermi e serpentelli) con le perline è divertente e dal risultato concreto (l'oggetto creato sarà utilizzabile) ma soprattutto aiuta moltissimo il bambino nello sviluppo della coordinazione occhio-mano. Infilare le palline bucate nel filo comporta una concentrazione oculare importante, ed essendo un lavoro minuzioso il risultato sarà un implemento della coordinazione e della motricità delle mani.

 

7. Stendere

Prendete (o create) un piccolo stendino al quale i bambini potranno appendere i loro vestitini o quelli dei loro pupazzi: utilizzare le molette stimolerà le loro dita, e piegare in modo da non far cadere gli abiti aiuterà la coordinazione e l'ordine.

Foto Credits: http://dynamisksalong.blogspot.it/2013_04_01_archive.html

 

8. Avvitare

Anche avvitare bulloni e viti è un'attività di precisione davvero importante. Iniziate con i più piccoli dai tappi delle bottiglie (partendo da quelle con il collo più largo fino a quelle più strette) e passate poi ai bulloni e alle viti con un cacciavite sempre più piccolo.

 

Sara Polotti e Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

L’alfabeto tattile di Maria Montessori
Fare scienza con le rocce classificando le pietre
I 15 consigli di Maria Montessori per crescere bambini felici
Le bottiglie Montessori per imparare le scienze

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna