Vietato non toccare: Munari al MuBa di Milano

Non l'abbiamo mai nascosto: noi di Mamma Pret a Porter adoriamo Bruno Munari! Ricordate? Vi abbiamo parlato del suo metodo educativo orientato allo spirito artistico del bambino. Ora abbiamo una bellissima notizia: il Museo dei Bambini della Rotonda di Via Besana 12 dedicherà a questo meraviglioso artista e pedagogo una mostra tutta da vedere (e toccare!).

Vi parliamo dell'iniziativa Vietato non toccare: Munari al Muba di Milano dal 22 gennaio al 15 settembre

In collaborazione con l'Associazione Bruno Munari e la casa editrice Corraini (che da sempre pubblica i suoi titoli in bellissime edizioni), la mostra gioco (già portata al Museo dei Bambini nel 2008 e ora riproposta) sarà rivolta ai bambini dai 2 ai 6 anni, ai bambini più grandicelli e agli adulti.

Come prevede il metodo Munari, e come prevede la corrente dell'arte programmata e cinetica da lui sempre sponsorizzata (votata all'inserimento del movimento nelle opere d'arte e soprattutto al coinvolgimento del pubblico, finalmente protagonista e fruitore attivo), all'interno del bellissimo museo sarà possibile intraprendere un percorso di gioco volto a stimolare il tatto e gli occhi attraverso la scoperta, la sperimentazione e la meraviglia.

Tutto questo ha le sue radici nel pensiero di Bruno Munari stesso, il cui metodo educativo, molto vicino a quello di Maria Montessori, si fonda sul concetto dell'esperienza come passaggio fondamentale per il bambino nella scoperta del mondo. Munari concretizzò questo suo metodo nei Laboratori, fondati a Brera nel 1977, creati perché i bambini scoprissero le opere d'arte non solo attraverso i racconti, ma soprattutto giocando e facendone esperienza diretta.
Non immaginatevi quindi la solita esperienza museale silenziosa e con regole imprescindibili: qui le regole non ci sono (o, perlomeno, ce ne sono pochissime), e i bambini insieme alle loro famiglie potranno fare esperienza delle installazioni munariane con tutto il corpo, con tutta la curiosità possibile, con l'esuberanza che li contraddistingue, grazie alla multisensorialità insita nella mostra.

Il percorso si snoderà attorno a quattro attrazioni-installazioni principali:

- le Scatole della Meraviglia (tutte apparentemente uguali ma contenenti libri o oggetti ispirati alle opere di Munari),

- Toccare con gli occhi e vedere con le mani,

- il Gioco Più e Meno e il Prato dei Pre-Libri.

- Non solo: collateralmente, l'Associazione Bruno Munari organizzerà workshop dedicati alla scoperta del mondo dell'artista.

Il percorso della mostra dura circa 75 minuti. Per i bambini il biglietto costerà 6 euro, mentre per gli adulti 8, con speciali carnet famiglia a 25 euro (più 6 euro per ogni persona aggiuntiva). L'entrata è prevista a gruppi: dal martedì al venerdì l'ingresso sarà alle 17, mentre nel weekend sono previste più visite (alle ore 10, 11.30, 14, 15.45 e 17.30). Meglio comunque prenotare prima, acquistando i biglietti su ticketing.muba.it

Insomma, si prospetta una mostra gioco coinvolgente, emozionante e stupefacente. Lasciate che i vostri bambini vengano risucchiati dal mondo artistico di questo gigante dell'arte italiana, e immergetevi con loro senza riserve: sarà un'esperienza unica, un po' primordiale e certamente meravigliosa, come sempre quando si tratta di MuBa e Bruno Munari.

Sara Polotti

 

Ti potrebbe interessare anche

A Cantù la festa del legno con tanti laboratori Munari per bambini
La vasca tattile di Bruno Munari
Zoo-Lab, il metodo Munari a Treviso
Al MuBa due giornate per capire l'importanza dell'acqua

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna