Imparare le tabelline con un’App

Per imparare le tabelline ci sono molti metodi. Quello logico. E poi quello mnemonico. Che a quanto pare è ancora il più efficace! Ricordate quando ce le facevano imparare a memoria e ci venivano in mente rime o canzonette che riuscivano a farci rimanere in mente più cose? Otto per otto quarantotto; sei per sette quarantadue (“Più due quarantaquattro”); cinque per cinque venticinque... E poi quelle nel mezzo, che dovevamo sapere per forza a memoria per dirle al volo!

Non a tutti i bambini piace questo esercizio. Perché allora non renderlo più giocoso?

Imparare le tabelline con un’App: con Turutu sarà più semplice conoscerle a memoria, grazie ad un metodo certificato e divertente

Come dicevamo, non a tutti i bambini piace impararle. Alcuni sono dei genietti in matematica, ma altri fanno più fatica, e ci crediamo se ci dite che le avete provate tutte, ma proprio tutte.

Bene. Il nostro consiglio è di prendere lo smartphone o il tablet e di cercare nell’app store Apple o in quello Android l’applicazione Turutu, “Tabelline Parlanti”. Troppa tecnologia fa certamente male, ma in questo caso è davvero, davvero utile. Perché se il digitale può aiutare nell’apprendimento, ben venga qualche minuto al giorno davanti al device.

“Tabelline parlanti” è essenzialmente un personal trainer per l’apprendimento delle tabelline, che permette di impararle a memoria coinvolgendo il bambino in giochi ed esercizi divertenti e semplici. Nessun libro, nessuna biro. Solo l’app, che permette di studiare senza accorgersi.

L’app sfrutta il riconoscimento vocale (e quindi è adattissima anche a bambini ipo o non vedenti!), fa domande e ascolta le risposte, interroga, aiuta nell’apprendimento e segnala i miglioramenti. E grazie all’intelligenza artificiale l’app riesce a riconoscere le difficoltà, proponendo così ripassi o continuando a fare domande laddove serve più concentrazione. Insomma, anche le tabelline più difficili, con molto esercizio, verranno ricordate con più semplicità.

L’apprendimento non è casuale, ma ragionato: il bambino sceglie la tabellina da studiare e l’app ne enuncia pian piano le operazioni. Dopodiché interroga in ordine crescente, e poi casuale (proprio come durante le interrogazioni o le verifiche a scuola). Per ricordare meglio il risultato, ci sarà un disegno che aiuterà il bambino a risalire meglio all’operazione.

Dopodiché l’”interrogazione” dell’app sarà pian piano più difficile: se inizialmente si chiederà al bambino di ricordare le operazioni casuali in una stessa tabellina (5x5=25, 5x8=40,
5x2=10...), successivamente gli verranno chieste in maniera casuale tutte le tabelline da 1 a 10. In generale, poi, l’app di volta in volta, durante le interrogazioni, proporrà prima sempre le tabelline meno chieste e quelle in cui il bambino fa più errori, in modo da stimolare e aiutare.

Non solo: se il bambino vuole, se è interessato o se ha bisogno di ferrarsi anche in un’altra lingua, Tabelline Parlanti dà la possibilità di impostare l’italiano, l’inglese, il francese, lo spagnolo, il portoghese, il russo e il polacco!

L’app è a pagamento, ma, diciamolo, il prezzo è davvero accessibile e accettabile, se pensiamo al valido aiuto che dà ai genitori. Costa 1.99 euro, e la decisione è stata presa dai suoi creatori in maniera ragionata: Zofia e Paolo sono prima di tutto genitori e per evitare di mettere link, pubblicità e pop up all’interno dell’app (pericolosi per i bambini!) preferiscono mettere al sicuro i loro piccoli utenti!

Per altre informazioni vi rimandiamo al loro sito, dove potrete trovare tutto ciò che volete sapere su Tabelline Parlanti e su tutte le altre app di apprendimento che mettono a disposizione!

Ti potrebbe interessare anche

Giocare alle misure e alle frazioni con Maria Montessori
Due libri per le vacanze sul metodo Bortolato
eMyBaby, l’applicazione perfetta per monitorare il tuo bambino
Come creare una ruota montessoriana o mandala delle tabelline
Family Point, l’app per conoscere tutti gli appuntamenti per le famiglie!
Il rivoluzionario metodo Bortolato per imparare la matematica
Il magico mondo di Escher per i bambini
Fa bene contare con le dita?
Imparare la matematica attraverso il metodo Montessori
Metodo Montessori in digitale
Divertirsi con la matematica ispirandosi ai "Reggio Children"

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter