Gauguin per i bambini a Milano

Il Mudec di Milano, il Museo delle Culture, dal 28 ottobre di quest'anno ha aperto uno spazio permanente dedicato ai più piccoli per un'educazione interculturale ad hoc. Percorsi e mostre per i più piccoli (ora dedicate alla scoperta del Marocco) sono visitabili tutti i giorni dalle 9 alle 19. Ma il Museo non si dimentica dei baby visitatori nemmeno durante le mostre "adulte" ospitate durante tutto l'anno.

Gauguin per i bambini a Milano: una mostra dedicata al grande pittore post-impressionista adatta a grandi e piccini

Sarà visibile fino al 21 febbraio 2016 e ripercorre la strada artistica del grande maestro accostandola ad artefatti polinesiani e immagini documentative dei luoghi ritratti e visitati dall'artista, per mostrarne l'approccio peculiare e la tendenza al primitivismo.
Per farne godere anche ai più piccoli, il Mudec ha predisposto audioguide a loro dedicate. Nessuna frase complicata o studi dettagliati delle opere nella maniera più tradizionale. La guida si rivolge loro con tono dolce e semplice, per immergerli nell'arte di questo artista che dai bambini può essere davvero apprezzato, grazie ai suoi colori piatti e accesi, ai suoi soggetti semplici e naturali e al suo approccio sintetico.
I bambini si muovono tra le settanta opere in mostra e tra i paesaggi bretoni, polinesiani, francesi ed esotici con le loro cuffiette alle orecchie, passando per le opere più consone a loro immergendosi in una sorta di gioco che sdrammatizza la serietà dell'esposizione. In ogni opera analizzata devono riconoscere un personaggio particolare che accompagna dalla prima all'ultima pittura e che di volta in volta si trasforma in un elemento presente nel dipinto.
È la fragolina appoggiata tra le donne tahitiane sdraiate dell'omonimo dipinto, è la pecorella del "paesaggio costiero della Martinica", è una nuvola, è un profumo di fiori; e alla fine si ritrovano con una sorpresa solo per loro nel finale del percorso espositivo.
L'approccio è davvero interessante e porta i bambini a osservare le opere, analizzarle, riflettere su di esse nel modo a loro più congeniale. Nelle orecchie due voci che si confrontano sui dipinti: "Guarda la pelle della modella, guarda le sue fattezze". Oppure su concetti come la nudità: "Oddio, che oscenità, è nuda", "Ma no, anche gli angeli sono nudi, la nudità non è per forza oscena". E così via. I bimbi si siedono a gambe incrociate di fronte alle opere, le osservano, le ascoltano, le guardano forse meglio di come farebbero gli adulti frettolosi.
La domenica, poi, i bambini possono fermarsi al Mudec Lab. Si tratta di attività relative alla mostra permanente o a quelle temporanee. Nel caso di Gauguin, è possibile prenotare la visita e il laboratorio Mudec Lab: i bambini scoprono il mondo del pittore prima attraverso le opere in mostra e poi attraverso le attività proposte nell'ambiente a loro dedicato, ricostruendo i mondi del pittore e tracciando nuove rotte. (http://www.mudec.it/ita/gauguin-3/)

Ti potrebbe interessare anche

“Questa (non) è matematica”
L’action art per bambini, ovvero Jackson Pollock completamente rivisitato
Disegnare con il sale, una pittura spessa e divertente
8 modi per giocare con gli acquerelli
La mostra di Chagall alla Permanente di Milano
Ricalcare le cortecce
The Australian Breastfeeding Project
“Giro giro tondo”, la mostra di design per bambini in Triennale
Portare i bambini nei musei: rendiamolo divertente!
Al Mudec la Klimt Experience, per un’esperienza artistica totalmente immersiva
Le smagliature sono arte, non nascondiamole
Le immagini tenere e deliziose di Sora Ceballos

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter