9 giochi con le carte da fare in famiglia

Le giornate passate bazzicando qua e là, leggendo, rilassandosi, facendo passeggiate in montagna o bagni al mare non possono prescindere dai momenti ludici. E quale gioco fa più famiglia delle carte? Piacciono a tutti, divertono, mettono un po’ di pepe alle giornate di ferie. Iniziare con i bambini fin da subito a giocarci è utile per stimolare le loro capacità cognitive, ma soprattutto è divertentissimo.

Ecco 9 giochi con le carte da fare in famiglia: le attività in gruppo o da soli per stimolare la logica e divertirsi con poco

  • Scala Quaranta è un classico, e ci sarà un perché: le regole sono abbastanza semplici, le partite non troppo lunghe, ci si può giocare in quanti si vuole e alla fine tutti sono contenti. Giocate come fosse una scommessa, puntando invece dei soldi le conchiglie che trovate in spiaggia!
  • Machiavelli deriva direttamente da Scala Quaranta, ma le partite sono moooolto più lunghe! Ma il bello è proprio questo: le regole sono poche (ogni giocatore - dai 2 ai 6 - ha 13 carte in mano, non si scarta mai, di devono fare tris e scale come nell’altro gioco e - divertentissimo - si possono sfaldare quelli già in tavola, avendo cura di avere sempre tris e scale corretti - https://it.wikipedia.org/wiki/Machiavelli_(gioco)). Un consiglio: giocateci su un tavolo sgomberato e ampio, state certi che si riempirà fino agli angoli!
  • Ci abbiamo giocato anche noi da piccoli, e chi si scorda giù le partite all’ultimo sangue con amici e parenti? UNO (https://it.wikipedia.org/wiki/UNO_(gioco_di_carte)) è fatto per tutti, e per questo ci piace un sacco!
  • Go Fish! L’avrete sentito nominare in molti film americani. E’ un gioco tipico per famiglie (e, infatti, in italiano si chiama “Famiglia” - https://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_delle_famiglie) e prevede la creazione da parte dei giocatori di poker di carte dello stesso valore, dopo aver distribuito tutte le carte del mazzo tra i giocatori. Quando è il proprio turno ognuno può chiamare un altro giocatore chiedendo la carta che gli serve, e se l’altro giocatore ha carte con quel numero le deve consegnare tutte. Al contrario, se questi non ne ha passa il turno a lui. E così via. Il gioco termina quando tutti i poker sono in tavola formati: il giocatore che ne ha di più ha vinto!
  • Se tutti si stanno rilassando il pomeriggio può essere noioso. Insegnate ai bambini i solitari con le carte che conoscete, così quando non sapranno cosa fare potranno cimentarsi da soli in questi giochi divertenti, molto educativi e stimolanti pur nella loro quiete.
  • Non solo le classiche carte: anche quelle da Briscola sono perfette per i giochi. Briscola può essere da grandicelli, ma le carte permettono altri giochi carinissimi. Avete mai provato Straccia Camicia (o Brucia Camicia)? E’ perfetto per i bimbi che iniziano ed è preferibile giocarlo in due. Le regole sono semplicissime: dividete il mazzetto di quaranta carte tra i giocatori, quindi iniziate il gioco. Ognuno ha il suo mazzetto, con le figure non visibili. A turno si scarta una carta, e quando escono l’Asso, il Due o il Tre l’altro giocatore è obbligato a scartare il numero di carte corrispondenti. Se tra quelle non esce un altro Asso, un Due o un Tre allora il mazzetto degli scarti passa al primo giocatore, che le metterà sul fondo del suo. E così via: vince chi rimane con le carte mentre l’altro finisce il suo mazzetto!
  • Un classico per i bambini e per i gruppi che vogliono davvero divertirsi è l’Uomo Nero: giocato con le carte regionali, oppure con quelle da Scala, è perfetto per i gruppi da 2 fino a 8 persone. Le regole sono semplici, per adulti e bambini (https://it.wikipedia.org/wiki/Uomo_nero_(gioco_di_carte)), e alla fine chi rimane con in mano l’Uomo Nero (e cioè il fante di picche o di spade) è il perdente che deve pagare la penitenza!
  • Quando non sapete a che gioco giocare ma avete in mano molte carte provate a realizzare un memory di emergenza: non con carte fatte apposta con disegnini o figure, ma con le carte regionali. Un pochino più difficile, certo, ma stuzzicante e stimolante!
  • E alla fine senza pretese potete passare al gioco più giocato al mondo: quello dei castelli di carte! Sul tavolo o in spiaggia (quando non c’è vento!) create insieme ai bambini le casette di carte più bizzarre, alte o larghe, e magari fate una gara a quella più bella.

 

Ti potrebbe interessare anche

6 giochi durante il cambio pannolino
I giocattoli steineriani
Come rendere il momento del bagnetto divertente con 10 giochi
Baby Bop, la nuova piattaforma per lo scambio tra genitori
Come realizzare i pennelli più naturali del mondo
10 giochi da fare con i gessetti al parco e a casa
Perché non compro libri da colorare ai miei figli
Le attività Montessori da svolgere all'aperto
Gli elastici, un gioco divertente e utilissimo
I giochi e le idee per riciclare la carta delle uova di Pasqua
La borsa dei giochi Montessori da portare al parco
Perchè i neonati amano le etichette

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter