La storia di Carolina

Mi chiamo Carolina, sono Brasiliana, ho 34 anni, sono sposata e vivo a Saragozza, in Spagna. Sono venuta a vivere qui perché mio marito è spagnolo. E dopo cinque anni di matrimonio mio marito ed io ci siamo trovati da soli in ospedale, piangendo perché pensavamo che il nostro cucciolo non sarebbe sopravvissuto, ma il 28 gennaio del 2014 alle 20.55, il nostro bambino è nato piangendo e pronto ad affrontare la vita! Theo è nato con 29 settimane e 550 grammi, da un cesareo d'urgenza, mamma e bimbo in pericolo a causa di una pre-eclampsia. Lui è andato subito alla Unità di Terapie Intensive e li è rimasto per 80 giorni, ha avuto molte complicazioni per essere un bambino estremamente prematuro, è stato tra la vita e la morte per due volte, ed io trascorrevo 12 ore al giorno in ospedale facendo il "canguro" con lui, dandogli forza ed energia positiva. Non avevo mai vissuto un momento così difficile nella mia vita. La mia famiglia era tutta a San Paolo, ma io non li volevo qui, perché nessuno avrebbe potuto fare niente, sentivo che questa era la mia missione, di mio marito e del piccolo Theo.

100 giorni dopo, abbiamo lasciato l'ospedale con il nostro bambino. Ed oggi siamo tutti a casa, per combattere insieme e costruire la nostra piccola famiglia. Non so dire qual'è stata la parte più difficile, sono state tante: Partorire e non essere in grado di vedere mio figlio. Vedere il mio bambino come un feto che non era ancora pienamente "pronto". Vederlo subire molti interventi, intubato e sul suo volto la sofferenza. Lasciare l'ospedale senza il mio bambino in braccio. ..... Potrei avere mille ragioni per piangere, ma la verità è che quello che non uccide rafforza! Ho dovuto essere forte ed essere presente, perché era il minimo che una madre doveva fare mentre il suo bambino stava facendo l'impossibile per sopravvivere. Oggi cerchiamo di essere dei genitori normale per il nostro figlio, trattandolo con la massima normalità possibile e coccolandolo molto! Sì, un sacco di baci, tanta musica e tanta pace. Perchè lui se lo merita. E 'stato l'incubo più lungo della mia vita, ma un incubo pieno di momenti di tenerezza. Oggi, lui ha quasi sei mesi, pesa 3400 e misura 48 centimetri. Riuscite ad immaginarlo?

Come è stato vivere tutto questo lontano dalla mia terra? Rispondo scomponendo gli argomenti in due parti: da una parte sono molto felice di avere partorito Theo qui. Il sistema sanitario è molto buono, e lui è stato trattato come un re. Dovrà essere seguito fino ai quattro anni intensamente e fare un po 'di riabilitazione. E tutto questo gratuitamente.

Non so come sarebbe andata se mio figlio fosse nato in Brasile. Poi qui abbiamo maggiori opportunità, non devo lavorare tutto il giorno per vivere bene e posso godere di più il nostro cucciolo. Da l'altro lato mi manca la gioia dei miei genitori, fratelli e nipoti, dei cuginetti Brasiliani che Theo vedrà poco, ma la mia famiglia viene spesso a trovarmi, la mia mamma è qui ora e resterà per tre mesi. Non è la stessa cosa di vivere vicino, ma sono venuta qui per mia scelta. Nella vita la felicità non è mai completa né eterna, ma sono felice. Non so se sarò felice domani. Cerco di godere di ogni momento quando mi trovo in Brasile e godere al massimo quando la mia famiglia viene a trovarci. Quindi tutto dipende dal punto di vista. Ci sono delle persone che vivono nella stessa città e si vedono poco, ma ogni volta che noi andiamo in Brasile è una festa e cerchiamo di vedere tutto ciò che si può!. E alla fine, tutto è relativo. Non possiamo drammatizzare, se c'è "saudade" è perché c'è amore, e per questo non c'è distanza, troviamo sempre un modo!

Vuoi raccontarci la tua esperienza di mamme nel mondo? Scrivici attraverso la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna