La maternità in Africa Occidentale

La maternità ha un ruolo importante in tutte le società, ma nella cultura africana, una donna molte volte viene valutata dal numero di figli che procrea: nelle società tradizionali africane occidentali, la donna ha lo scopo principale di generare e allevare i figli. Comprendendo l'importanza di questa posizione, ci sono molti riti e tante attività dedicate alle donne, in modo che esse apprendano le conoscenze necessarie per diventare madri: durante la pubertà infatti le ragazze sono istruite sul parto, e sui segreti e tabù delle mestruazioni, effettuando un vero e proprio periodo di apprendimento che dura diversi mesi. Questo periodo di formazione si svolge di solito durante la stagione secca, e consiste in un allontanamento dal villaggio per alcune settimane con le donne anziane del villaggio. Le procedure effettive di questi insegnamenti variano notevolmente da tribù a tribù: alcune di queste cerimonie sono rituali di canti e danze, mentre in altri casi vengono effettuati dei periodi di purificazione che consistono in una alimentazione molto ristretta e con cibi selezionati. 

Il ruolo femminile in Africa occidentale è basato sull'idea che le donne possano e debbano (in linea di principio) generare figli: il modo in cui esse si prendono cura dei loro figli dimostrerà a tutti la loro pazienza, gentilezza, dolcezza e persistenza. Queste infatti sono le caratteristiche che contraddistinguono lo stile di maternage di molte tribù africane: maternità a stretto contatto fisico, allattamento a richiesta prolungato, nanna condivisa con la mamma, uso della fascia. Con questo atteggiamento le donne africane creano una relazione molto stretta ed empatica con i propri figli, legami che perdurano nel tempo, anche quando saranno adulti, e le legittimano ad avere su di essi un forte potere decisionale per tutta la loro vita. I figli infatti sono la vera ricchezza per le famiglie e le donne di queste tribù, in quanto non essendo sviluppati in queste zone dei sistemi di welfare, spetterà a loro la presa in carico economica e pratica dei genitori quando questi saranno anziani e non più autosufficienti. Essendo quindi i figli un bene prezioso per l'intera comunità, tutto il villaggio supporta la donna nella crescita dei bambini, in quanto "per crescere un bambino ci vuole un villaggio". 

 

Vuoi raccontarci la tua esperienza di mamme nel mondo? Scrivici attraverso la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

immagine tratta da fibercopia.com

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna