I fondamentali riposini del bebè e della neomamma

I riposini per il neonato sono fondamentali, ma lo sono anche per la neomamma: ecco allora come sfruttarli al meglio con i consigli della nostra psicologa Monica Contiero nel nostro libro Mamme pret a porter, Il primo anno insieme, Mental Fitness, Publishing

"Dove sono finita io? Partendo dal presupposto che per una donna l'evento del diventare mamma è uno dei tre periodi critici della vita, con l'adolescenza e il passaggio dai quaranta ai cinquanta anni, è assolutamente necessario essere indulgenti con se stesse e accettare i momenti up e quelli down. Dicevamo quanto sia importante non "perdere di vista se stesse". Abbiamo diversi bisogni anche noi mamme e dobbiamo cercare di soddisfarli.

Innanzitutto abbiamo bisogno di dormire. Se siamo stanche non riusciremo a far niente di più di quello che facciamo e non vivremo bene nemmeno il nostro tempo col bambino. Approfittiamo quindi dei suoi sonnellini quotidiani per riposare anche noi. Rimandiamo le faccende domestiche più impegnative a tempi migliori: per ora dedichiamoci all'indispensabile e sfruttiamo quel tempo per far riposare mente e corpo.I sonnellini diurni sono le oasi di pace e di tregua della giornata. Puntualizzazione fondamentale: ci sono neonati che, ahimè, per periodi di tempo più o meno lunghi non riposano se non a contatto fisico con voi o un adulto. In questi casi non è una scelta fare il riposino con lui, siete obbligate a farlo... ma ben venga, dicevamo: dormiremo anche noi! Probabilmente sotto sotto proveremo una sensazione di impotenza rispetto a tutte le cose da fare e da sbrigare, e talvolta anche rabbia per veder sfumato anche il più piccolo momento per noi, ma ci permetterà qualche ora di tregua.

Se siamo le fortunate mamme di bimbi che fanno dei bei sonnellini durante la giornata, possiamo (sono elencate in ordine di importanza, nota bene): dormire mangiare lavarci con calma invitare l'amica del cuore per un caffè organizzare gli aiuti pratici per la casa (chiedere aiuto a mamma, suocera, ami- che, ecc...) sbrigare le faccende indispensabili. Se invece il nostro frugoletto è assolutamente bisognoso di contatto ed è impossibile pensare di farlo dormire se non sul nostro corpo o comunque a contatto con noi, possiamo: convincerci che il nostro è una sorta di riposo forzato che ha i suoi pro e i suoi contro, per cui non possiamo occuparci della casa... A questo punto riposiamo e recuperiamo il sonno guardare un sacco di programmi tv, anche quelli che seguivamo da ragazzine, e leggere tantissimi libri e riviste mettere il bimbo nella fascia e farlo dormire lì, così avremo anche autonomia motoria."

Monica Contiero

 

 

Ti potrebbe interessare anche

Il dolce far niente, un regalo per i nostri bambini
Sono una mamma e faccio le cose a metà
La mente di una mamma? Non si ferma mai
Bling bling! Ecco i gioielli che amiamo, perfetti per la festa della mamma
Regali per mamme Waldorf
Mamme lavoratici, i benefici a lungo termine che ricadono sui figli
Quante ore lavora in media a settimana una mamma?
Rifare da capo, ovvero come trasformare una giornataccia
La meraviglia della gravidanza dopo l’infertilità
Quando raccogliere soldi diventa un gioco da mamme
Le foto delle mamme del mondo che stanno facendo emozionare il web
La bellezza della maternità sta anche nelle preoccupazioni

Schermata 2018 06 15 alle 12.36.52

 

 

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter