Hein Koh e il suo scatto instagram per sostenere le mamme a non rinunciare a se stesse

Qualche mese fa fece molto scalpore la dichiarazione di Marina Abramovic, protagonista indiscussa della performing art: Ho avuto tre aborti, un figlio sarebbe stato devastante per la mia carriera”. Parole fortissime, che anche le più affezionate all’artista hanno faticato a digerire.

Tuttavia ognuno ha la sua opinione e il suo obiettivo di vita, per fortuna. E a sostenere la maternità anche in campo artistico ci ha pensato un’altra artista americana, Hein Koh, con un bellissimo scatto su Instagram e profonde parole che ci hanno colpito.

La maternità non intacca il lavoro delle donne, lo stimola: Hein Koh e il suo scatto instagram per sostenere le mamme a non rinunciare a se stesse

Il fatto che recentemente le immagini di mamme che allattano sul posto di lavoro aumentino è sicuramente una conquista. Tuttavia siamo abituati a vedere, piuttosto che lavori “normali”, quelli sotto i riflettori, come ad esempio le aule politiche. 

(foto 1 http://www.huffingtonpost.it/2014/07/09/protesta-contro-divieto-di-allattare-in-parlamento-italiano_n_5569661.html)

Ricordate ad esempio Hanne Dahl? Fu la prima eurodeputata a portare la figlia neonata in aula per una votazione, e a noi sembrò un bellissimo gesto. Bene, ma cosa accade quando il lavoro è più “semplice”, quando la mamma è libero professionista o semplicemente quando non si vuole rinunciare ai propri sogni?

Non tutte la pensano come Marina Abramovic, e tra queste mamma c’è Hein Koh, artista newyorkese che realizza prevalentemente sculture ispirate al corpo umano e alla natura, spesso provocanti, sempre coloratissime e vitali.

(foto 2 http://www.heinkoh.com)

Qualche mese fa ha postato su Instagram un “throw back thursday”, e cioè un’immagine più vecchia recuperata dai meandri del cellulare. Lo scatto era bellissimo: sono ritratti lei e suoi gemellini intenti ad allattare al suo seno, mentre lei lavora con il laptop sulle ginocchia.

(foto 3 https://www.instagram.com/hein_koh/)

E il testo è un manifesto altrettanto bello: “#tbt al 19 maggio del 2015, quando i miei gemelli avevano 5 settimane e, nonostante la privazione del sonno e l’allattamento frequente (ogni 2 o 3 ore, tutti i giorni, per 45 minuti alla volta), riuscivo comunque a terminare qualche lavoro. Marina Abramovic pensa che i bambini siano un ostacolo per le donne artiste, ma come disse Wendy White (un’altra artista, ndr): “Che si fotta!”. Ciò che Marina conosce è solo la sua esperienza, e potrebbe essere vero per lei, ma non è l’esperienza di tutte e non è la verità. Diventare mamma (e di gemelli per di più) personalmente mi ha aiutato a diventare una artista migliore - ho imparato ad essere estremamente efficiente con il tempo, a dare le priorità a ciò che è importante e a lasciare andare il resto. E ad essere multitasking come un campione. Ho imparato ad essere un po’ più attiva con pochissimo sonno, e quando uscivo dal caos, dalla pazzia e dalla tortura mille nuove emozioni sono entrate nel mio lavoro, rendendolo più interessante e più stratificato. Non sto nemmeno dicendo che gli artisti che sono genitori siano più bravi dei non-genitori, o che scegliere di non essere genitore ti negherà accesso a esperienze di vita costruttive. Ciò che voglio dire è che diventare genitori è come ogni altra sfida nella vita - finora la più fottutamente grossa sfida per me -  e se la abbracci e cerchi soluzioni creative, ne puoi emergere come persona migliore. L’importante è pensare ai modi in cui queste sfide possono aiutarci ad andare avanti, piuttosto che al come ci tratterrebbero”.

Le parole di Hein Koh non possono che ispirare: ogni mamma dovrebbe estrapolarle dal contesto dell’artista per calarle nella propria quotidianità e cucendole sul proprio lavoro, per trovare finalmente la dimensione giusta, quella che coniuga lavoro, sogni, maternità e femminilità.

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

Mamme, la maternità è la sfida più pesante, ma siamo fortissime!
Care mamme, c’è in giro troppa perfezione
“Moms don’t quit”, le mamme non si dimettono
La vita incredibile di mamma Morgan con la piccola Hadlie
Vivere per lavorare o lavorare per vivere?
Un bellissimo progetto sui papà svedesi che fa riflettere sul congedo parentale
La storia di Sara Guerriero, quando il mobbing è davvero troppo
Niente mimose l’8 marzo, è meglio uno sciopero
Tassa che ti passa
Gli spazi di co-working per mamme e bambini
5 consigli per mamme in carriera
La nuova moda dei brelfie delle star

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter