E noi due

Non sono solo i ritmi personali che si modificano drasticamente con l’arrivo del bambino, ma anche lo stile relazionale della coppia. Prima di essere compagni, amici o amanti, ora si è genitori. Difficile ritagliarsi spazi a due e anche quando lo si riesce a fare, spesso gli argomenti vertono comunque sul bambino… cosa comprargli, come sta crescendo, a chi assomiglia, che facce buffe ha fatto ieri ! Sembra che non esistano più interessi comuni che prevedano come partecipanti solo due adulti.

Mentre inizialmente questa sorta di “innamoramento” per il bambino è vissuta da parte di entrambi ed è vissuta positivamente, col passare del tempo spesso colui che comincia a risentirne e a farne un po’ più le spese è il neo papà. L’accudimento del bambino spesso è di competenza quasi esclusiva della mamma, vuoi per l’allattamento al seno ( difficilmente delegabile..), vuoi per il fatto di condividere col bambino l’intera giornata mentre il papà è al lavoro, vuoi per predisposizione genetica femminile ( la mamma è sempre la mamma), il papà si ritrova a doversi inserire, non senza difficoltà, nella nuova relazione a due formata da quella che una volta era la propria moglie e che adesso è una mamma, e il proprio bambino. Mentre la mamma quotidianamente sviluppa la relazione col bambino, creando un legame affettivo e di conoscenza reciproca sempre più forte, il papà rimane ai margini, ad osservare e a volte anche un po’ a risentirne. Se ci rendiamo conto che a volte non ci accorgiamo neppure se è in casa o no, che le nostre attenzioni vertono sempre e solo sul nostro piccolo, che gli argomenti di cui parliamo trattano solo di cacca, pappe, marche di pannolini o allattamento, allora è importante porre rimedio, prima che sia troppo tardi!|

La coppia si trasforma, cambia modalità, priorità e prospettive. Questo repentino disequilibrio può portare a nuove consapevolezze che arricchiscono la coppia stessa e la legano ulteriormente, ma può anche capitare di perdersi un po’ come coppia e allora, come ritrovarsi?

Ecco alcuni suggerimenti pratici:

  • Scambiarsi bigliettini da attaccare in giro per la casa. Potrebbe essere carino andare in cucina la mattina appena sveglie e trovare attaccato al frigorifero un biglietto in cui ci augura il Buongiorno e ci ricorda quanto ci ama, così come sarebbe per lui altrettanto stimolante rientrare a casa dal lavoro la sera e trovare attaccato in doccia il nostro messaggio d’amore.
  • Cenetta a lume di candela. Dedichiamo alla coppia almeno una cenetta intima ogni settimana. Non è necessario uscire di casa, basta aspettare che il bimbo si addormenti e concedersi il resto della serata a cenare insieme in tranquillità, magari a lume di candela e con un bel sottofondo musicale, in modo da poter condividere uno spazio tutto della coppia che faccia sentire ancora uniti, vicini, che stimoli i nostri sensi e il desiderio nei confronti del partner.
  • Un altro bel momento per ritrovare un po’ di intimità potrebbe essere quello di concedersi una doccia insieme, superando tutte le possibili inibizioni che una donna dopo il parto spesso si porta con sé. Potreste invece sperimentare quanto invece siate attraenti per il vostro lui, rinforzando così in voi l’autostima.
  • Sorprendetevi a vicenda! Basta poco … il rientro dal lavoro con un fiore, organizzare una piccola caccia al tesoro in giro per casa alla scoperta di un piccolo pensiero, preparargli il suo dolce preferito, regalarle un ingresso per due persone in un centro benessere …
  • Vestitevi come se doveste uscire. Ogni tanto fatevi trovare vestite come piace a lui, preparatevi in modo impeccabile …
  • Gita fuori porta. Affidate il bambino alle cura della nonna e concedetevi di trascorrere una domenica in gita. Concentratevi sul vostro lui, dimenticatevi solo per qualche ora del vostro bambino, che sicuramente è in buone mani e non corre alcun pericolo, rilassatevi e godetevi una sana giornata all’aria aperta.
  • Fate progetti insieme. Immaginatevi il vostro futuro, scrivetevi magari quali sono i prossimi progetti che avete in comune, quando pensate di realizzarli, in quale modo.. Sognate insieme sul vostro avvenire!
  • Non smettete di frequentare gli amici in comune. Appena ve la sentite, organizzate una pizzata in compagnia di vecchi amici, senza la presenza dei bambini, per parlare di voi, per ridere, scherzare, sentirsi vivi..

E comunque ricordatevi sempre che i bambini crescono, questo intenso periodo di accudimento e di concentrazione quasi esclusiva su di loro si allenterà gradualmente, ritroverete ben presto i vostri spazi, recupererete la vostra coppia e, se nel frattempo avrete alimentato la vostra intesa a due, riuscirete a tornare ad essere donne e mogli a tutti gli effetti!

 

 

                                                                                                          Dott.ssa Monica Contiero

 

 

Articolo tratto dalla rubrica L'angolo di Monica

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche

4Mamme, perché ci piace tanto la mamma “anarchica”
Tra il dire e il fare c'è di mezzo una mamma che fa del suo meglio: la prima puntata di 4mamme
Dividersi le faccende domestiche, è arrivato il momento
Essere mamma è nelle piccole cose
Non vestirò mai mia figlia di rosa
Dal blog di Ellen Seidmann la riflessione sul lavoro infinito delle mamme di oggi
Perfezione, no grazie
La legge della madre di Murphy
Bye bye leggerezza
Mamma che fatica!
Oddio, chi cazzo è? (ovvero post partum e dintorni)
Essere mamma nel mondo: la maternità a Cuba

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter