4Mamme su FoxLife, l'ultima puntata

Incredibile: siamo già all’ultima puntata di 4Mamme su FoxLife! O meglio: stavolta potremmo intitolarla “2Mamme e 2Papà”! Esatto: nell’episodio andato in onda ieri sera a confrontarsi non erano quattro madri, ma due mamme e due papà. Perché la società è cambiata (per fortuna!) e non esistono solo le mamme che si occupano i bambini. Il compito genitoriale è ormai diviso quasi equamente, e per questo abbiamo molto apprezzato questo cambio di prospettiva!

4Mamme, l’ultima puntata: quando non sono solo le mamme a confrontarsi, perché anche i papà sono genitori!

Sullo schermo ieri sera si sono susseguite le storie e le giornate di:

Mamma Monica, la mamma “clown” che con il suo bambino Mattia (4 anni) utilizza il motto “tutti sono capaci di arrendersi, ma pochi hanno il coraggio di andare avanti”, filosofia che ha adottato da quando si è separata dal papà del suo bimbo. Imparare divertendosi con la serenità nel cuore: ecco il suo modo di essere mamma! Bastano pochi spezzoni per capire che Monica è energia e fantasia allo stato puro.. E questo ci piace già.

Maria Elena, la mamma tecnologica, che sfrutta i device per organizzare la sua giornata multitasking con tre bambini (due gemelli e una femminuccia). Tutto per lei è velocissimo, e così ha scoperto le app per mettere tutto bene in linea.

Davide, un papà giocherellone, che con la moglie Daniela sta crescendo i loro due figli di 7 anni e 16 mesi. Si diverte, gioca, sorride sempre e cerca di trasmettere la sua allegria in famiglia.

Infine Pino, “unconventional” papà, 46enne padre di tre figli. Perché unconventional? Perché permette ai bambini di vedere film violenti, perché li accompagna facendogli fare esperienza di tutto. Ma sempre pronto a intervenire e a sostenerli nel bisogno.

La puntata mi è piaciuta molto: le mamme protagoniste erano molto frizzanti, giocose e divertenti e in più la presenza dei papà ha reso questa ultima puntata molto stimolante e diversa dalle precedenti viste fin ora.

Come potete immaginare quest’ultimo articolo lo dedichiamo con estremo piacere ai papà, protagonisti indiscussi di questa puntata di 4 Mamme e protagonisti del cambiamento nel mondo: se infatti un tempo i papà erano considerati estranei alla crescita dei figli, oggi sono sempre più coinvolti. E non più solo come “aiuto” alla mamma, come babysitter del tempo libero, ma come protagonisti attivi dell’educazione dei bambini, della cura della casa e della costruzione della famiglia. I papà, per fortuna sempre più spesso, non entrano più in gioco solo quando la mamma non può, come sostituti o panchinari!

Iniziamo subito con la giornata di papà Davide. Davide è un padre molto presente ed è un bellissimo esempio di genitore (indipendentemente dal sesso) che si prende cura della propria famiglia. Come per qualunque genitore, ci sono momenti più difficili e momenti in cui facilmente trovi delle soluzioni per il benessere famigliare. Davide è un fantastico papà coinvolgente, giocherellone, molto attivo e presente nella vita dei bimbi. La sua indole emerge sicuramente nel momento del gioco, dove riesce a creare momenti molto intimi con ciascuno dei propri figli. Con la piccola Emma gioca attivamente e la coinvolge amorevolmente e in seguito organizza una partita di calcio tra grandi e piccini, per creare un momento ludico per il suo bimbo Riccardo.
Il solo appunto che ci sentiamo di fare a Davide è quello di cercare di creare momenti di gioco tutti insieme, anche se avendo figli con molti anni di distanza non è facile riuscire a trovare un gioco adatto ad tutte le età. Solitamente i giochi semplici (come correre insieme o giocare a nascondersi) sono delle tipologia di gioco che si prestano molto ad una socializzazione anche tra età diverse, piuttosto che giochi con strumenti o oggetti (palla, carte, ecc..) che risultano più complessi da organizzare, in quanto la piccola Emma ha solo 16 mesi.

Si vede che Davide è un papà che ama tantissimo i suoi figli, ed è stato dolcissimo vedere la messa a nanna dei bimbi da parte sua. Prima ha cullato la piccola, cantandole una canzone, e poi si è dedicato al grande, al quale ha letto un libro prima della buona notte. Come ci piace papà Davide!

Grazie al suo esempio possiamo parlare un po’ del ruolo del papà, che in questi anni ha subito dei cambiamenti fortissimi. La figura maschile infatti è diventata parte attiva nella cura della casa e della famiglia. Del resto i figli sono di entrambi e le responsabilità e gli impegni che ne derivano vanno spartiti in egual misura.

Ma parliamo anche di papà Pino, il papà unconventional. E di unconventional troviamo subito una bambola della figlia. Una bambola di colore, ma che bello! In un mondo che sta finalmente cambiando non è ancora scontato vedere questa situazione, ed è bellissimo vederlo sullo schermo.

Amiamo l'atteggiamento di Pino. Il suo è un atteggiamento di tolleranza e di interesse all'insegnamento del diverso. Pino sicuramente ha un rapporto non solo fisico ma anche molto cerebrale con i figli, e questo traspare anche nel controverso momento della visione di un film. Pino sceglie un film per adulti (si vedevano dei cavalieri in battaglia), e il tema non era molto adatto ai bimbi. Credo che saremo tutti d’accordo nel dire che si debba sempre rispettare le tappe di crescita dei bimbi. Penso quindi che Sveva, a 6 anni, non sia ancora in grado di elaborare emotivamente nel modo migliore scene troppo forti. Tuttavia ci sono piaciute davvero molto la passione e l’interazione di Pino con i suoi figli durante la visione del film: la fruizione passiva del mezzo TV non è mai la strada migliore, perché appunto è sempre difficile per un bambino rielaborare il bombardamento di immagini che riceve; quindi, bravissimo Pino! Sei riuscito a creare un dialogo e a trasformare un momento passivo in qualcosa di attivo e coinvolgente.

In conclusione mi ha fatto molto piacere vedere questi splendidi papà che partecipano così attivamente alla vita famigliare.

Grazie a tutti per averci seguito in questa avventura. Siamo già un po’ tristi perché mercoledì prossimo non avremmo più il nostro appuntamento settimanale di confronto e riflessione!

 

Ti potrebbe interessare anche

Il cappuccino più buono che abbiamo mai provato
Collezioniamo esperienze
Anna Paghera, essenze naturali estasianti
Little Pier, il concerto per bambini a Roma il 24 settembre
Quando l’estetica passa dalla natura
Gelato alle more
I bambini e l’apprendimento delle lingue
Gelatine di frutta con l'estrattore
Gelato al pistacchio
Pappa di sogliola
La prima torta in bicchiere per lo svezzamento
Ghiaccioli al latte di mandorla

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter