Una lista di valori imprescindibili in famiglia

Recentemente abbiamo letto un articolo sul blog Sacra Parental: si parlava del fatto che una recente ricerca abbia messo al primo posto tra i valori per i genitori queste tre cose: dire sempre per favore e grazie; rispettare i più anziani; avere delle buone maniere a tavola.

Ma come? Veramente? Se lo è chiesto l’autrice del blog e ce lo chiediamo anche noi. Sono davvero questi i valori delle famiglie di oggi? Non che siano cattivi valori, anzi. Ma dove sono finiti quelli più veri e profondi?

Una lista di valori imprescindibili in famiglia: perché creare una lista delle cose importanti per la nostra famiglia fa bene al cuore e alla crescita dei nostri figli

Che le buone maniere a tavola, il rispetto verso i più grandi e il “per favore” e il “grazie” siano importanti è verità assoluta. Ma definirli valori di una famiglia, beh, non è propriamente giusto. Perché più che valori sono buone abitudini.

Secondo noi i valori sono altro. Sono il rispetto verso l’altro (non solo “il più grande”), sono la gratitudine, l’amore, l’affetto, la gentilezza, l’amore per la natura, l’espressione delle emozioni, la verità...

Ogni famiglia naturalmente è differente, e ogni genitore basa l’educazione sui valori che più lo rispecchiano e lo rappresentano. Vi siete mai chiesti, quindi, quali siano i vostri, di valori?

Un esercizio molto utile da fare in questo senso è provare a pensare, anche tutti insieme, a questi valori, restringendo poi il campo ai tre più importanti (utilizzando quindi quella ricerca come spunto per qualcosa di un pochino più profondo).

Potrebbero saltare fuori la compassione, l’empatia, il rispetto per l’altro, la gentilezza, la sostenibilità, l’amore per la natura, l’amore per le altre culture, l’amore per la lettura, il non avere mai pregiudizi, l’educazione, il senso profondo di famiglia, l’indipendenza, il prendersi cura dell’altro, il prendersi cura di se stessi, il prendersi le proprie responsabilità, il non essere troppo attaccati alle cose materiali, il rispetto degli errori propri ed altrui, la gioia di vivere, la saggezza...

I valori che ci spingono sono infatti moltissimi. Ma la domanda che dobbiamo farci è: quali sono i tre più importanti per noi? Quali sono quelli che potremmo ritenere i “tesori” della nostra famiglia, della nostra vita? Quali sono le tre cose che voglio insegnare ai miei figli, le tre cose che voglio che imparino anche attraverso il nostro esempio di genitori?

Dopo avere quindi scelto i tre valori più importanti, cerchiamo di nominarli sempre in casa. Scriviamoli. Facciamo un quadretto. E soprattutto seguiamoli.

Insegniamo quindi con il buon esempio ai nostri figli cosa significa essere generosi, empatici, rispettosi, grati e tutte quelle cose che rispecchiano e seguono i valori che abbiamo scelto per la nostra famiglia.

Come? Dicendolo sempre, complimentandoci quando agiamo o agiscono secondo uno di questi valori, inserendo le parole nelle nostre preghiere (“fa’ che siamo sempre generosi, compassionevoli, empatici, amorevoli....”), ricordando nel momento della buonanotte i momenti che hanno caratterizzato la giornata e che sono stati in linea con i nostri valori... Insomma, rendiamoli quotidiani, normali, in maniera astratta (parlandone) ma anche in maniera concreta, rendendoci conto tutti insieme di cosa significa vivere secondo dati valori.

Abituiamoci, e abituiamo i nostri figli a questi valori. In modo che crescendo li considerino davvero un'abitudine. E cioè qualcosa che è giusto che ci sia, perché è così. Perché è "normale"!

 

Ti potrebbe interessare anche

Il peso di crescere i nostri bambini lontano dai vecchi “villaggi”
No, il matrimonio con figli non è la tomba dell’amore
Il regalo per la promozione è uno strumento giusto o sbagliato?
7 cose da dire ai nostri bimbi al posto di “non piangere”
Le cose che i nostri figli non impareranno dalla scuola, ma dalla vita
Come parlare del corpo alle nostre bambine
Un’infografica per crescere figli felici
Bambini aggressivi, l’origine del comportamento e come trattarli
“Calmati, ca**o!”, un libro per rilassarsi ed educare con il sorriso
Alfie Kohn e il suo “Amarli senza se e senza ma”
Il gentle parenting secondo L.R. Knost
Jean Piaget e lo sviluppo cognitivo del bambino

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter