Quello che i bambini vogliono (e i genitori non sanno)

Ve lo abbiamo detto: secondo noi la vita dei bambini va semplificata. "La semplicità è la chiave per crescere bambini felici": eh già.
Siamo sicuri di sapere di cosa hanno veramente bisogno i bambini? Spesso li sommergiamo di attività e beni materiali pensando di dargli così il loro amore, ma la verità è che basta davvero poco.

Ai bambini infatti basta pochissimo: lo sanno quando sono amati, sentono quanto è forte l'affetto, riconoscono una famiglia felice.

Lo sa bene Erin Kurt, una madre e maestra statunitense che ha fatto un piccolo esperimento (potete leggerlo qui): sapendo in prima persona gli sforzi che un genitore compie tutti i giorni per trasmettere il suo amore ai piccoli di casa, ha chiesto nel giorno della festa della mamma ai suoi alunni di scrivere quali erano per loro le dieci cose che più di tutto avrebbero voluto fare con i loro genitori. Insomma, le cose che sentono davvero valere la pena.

Vi stupirete, ma sono veramente le piccole cose a piacere ai figli. Sono i piccoli gesti a conquistare il loro cuore. Sono le azioni quotidiane a prendere il primo posto in classifica.

Ecco le frasi dei bambini per spiegare cosa li rende felici: quello che i bambini vogliono (e i genitori non sanno)

- Quando entrano in camera la sera, mi rimboccano le coperte e mi cantano una canzone. Oppure quando raccontano storie di quando eravamo piccoli.
- Quando ci abbracciano e baciano, e quando si siedono con noi per parlare in privato.
- Quando passano del tempo con noi, senza fratelli e sorelle intorno.
- Quando ci danno cibo nutriente in modo che cresciamo sani.
- Quando a cena parliamo di cosa potremmo fare nel weekend.
- Quando la sera parlano con noi di qualsiasi cosa: amore, scuola, famiglia, eccetera.
- Quando ci lasciano giocare un sacco di fuori.
- Quando ci coccoliamo sotto le coperte e guardiamo il nostro programma preferito in TV.
- Quando ci sgridano. Ci fanno sentire che ci tengono.
- Quando ci lasciano messaggini speciali nel sacchetto del pranzo o sulla scrivania.

Non sentitevi quindi insoddisfatti, genitori, o come se non steste facendo abbastanza. Semplificate, ma rendete il tempo passato insieme più qualitativo e meno quantitativo. I bambini apprezzeranno molto più di un tablet nuovo!

La redazione di mammapretaporter.it

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna