Quando un piccolo cartone animato insegna una grande filosofia

Recentemente ci siamo imbattuti in un video su Vimeo, la piattaforma sulla quale i video-maker e i creativi caricano le loro realizzazioni.

L’autrice si chiama Kaukab Basheer, è californiana e per lavoro disegna personaggi animati e inventa storie. Insomma, è una creatrice di cartoni animati, una di quelle professioni che affascinano tantissimo i bambini.

Il video di cui stiamo parlando si intitola Dechen, dal nome del suo piccolo protagonista, un apprendista monaco tibetano impegnato nella vita di monastero. È bellissimo, e il messaggio che arriva dopo i cinque minuti di visione è davvero importantissimo.

Quando un piccolo cartone animato insegna una grande filosofia: “Dechen”, dell’artista Kaukab Basheer, è un piccolo gioiello d’animazione che ci insegna i limiti dell’attaccamento materiale e affettivo

Una favola è degna di tale nome solo quando alla fine insegna una morale. Lo è dai tempi dei miti dei nostri antenati, lo è da quando Andersen raccontava le avventure della Sirenetta e da quando i fratelli Grimm inventavano le loro storie tra il divertente e il macabro.

Anche questa è quindi una fiaba, una favola. Cortissima, ma pur sempre una fiaba. Potrebbe un po’ ricordare il piccolo principe, dal momento che il soggetto è un piccolo bambino che si prende cura della sua rosa. Ma non è così, perché, primo, questo bambino è un monaco tibetano in erba e, secondo, il messaggio dietro all’accadimento di questa rosa è assolutamente diverso.

Se infatti il Piccolo Principe insegnava l’importanza di prendersi cura delle altre persone, in questo caso Kaukab Basheer ci mette davanti ad un’altra questione, e cioè a quella dell’essere troppo possessivi. Con le cose ma anche con le persone.

L’attaccamento è infatti una buona cosa, se parliamo si affetto e di accudimento (proprio come nel caso del Piccolo Principe di Antoine Saint Exupery). Ma quando diventa estremamente legante e possessivo ecco che si trasforma in qualcosa di sbagliato e di negativo.

Quando ci prendiamo a cuore una persona, una situazione o un oggetto a noi particolarmente caro, non dobbiamo mai dimenticarci del suo essere. Perché noi siamo qualcuno, e lui è qualcosa. E non possiamo forzarlo ad essere qualcosa che non è, o a sopportare una situazione che non gli appartiene.

Non solo: le difficoltà fanno parte della vita, non esiste felicità senza tristezza. E come in questo video dobbiamo provare a fare come Dechen: lasciare andare, perdere il controllo per un attimo, andare nella giusta direzione e capire che anche se le cose non ci appartengono o non stanno sotto al nostro controllo non significa che sia sempre negativo. Ogni situazione può insegnare qualcosa, ogni situazione può essere guardata da un altro punto di vista, ma soprattutto ogni situazione, per quanto dolorosa o sfuggente al nostro controllo, ha sempre una soluzione, che anche se fatichiamo a vedere o ad accettare può rivelarsi davvero benefica.

Infine: amare non significa possedere. Non significa cercare di cambiare qualcuno, pur pensando di fare il suo bene. Non significa non lasciargli essere ciò che davvero è perché abbiamo paura che si faccia male! Prendiamo gli affetti con più tranquillità, accettiamo gli altri per quelli che sono e senza provare a cambiarli accompagniamoli semplicemente nel loro cammino. Accanto a noi, mano nella mano. Ma con una mano che non strattona, spinge o tira; una mano che semplicemente c’è.

Video

Ti potrebbe interessare anche

L’importanza della comunicazione con i bambini
Consigli per educare i figli testardi
Le tradizioni in famiglia sono importanti
Una lista di valori imprescindibili in famiglia
“A cloudy lesson”, per capire che anche gli adulti imparano dai bambini
Le 5 regole pratiche per crescere figli sereni
Carlos Gonzales, il pediatra che ci dice davvero cosa serve ai bambini
Vivere per lavorare o lavorare per vivere?
La Sudbury Valley School, un modello educativo unico e innovativo
8 libri sull’educazione all’aperto
La classe capovolta, una rivoluzione d’insegnamento che ci piace
L’esempio concreto di una scuola che ha eliminato i compiti a casa

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter