Mettete giù lo smartphone e l’autostima dei bambini ne guadagnerà

Ve ne avevamo già parlato: i pericoli della troppa tecnologia sono davvero reali e i bambini che ne fanno largo utilizzo rischiano davvero dei danni emozionali e intellettivi non indifferenti. Ma non è pericoloso solo l’utilizzo (come dicevamo, meglio uno strumento musicale!: gli smartphone, che sono ormai parte integrante della nostra quotidianità, hanno effetti anche passivi devastanti per i nostri bimbi, soprattutto nei primi mesi di vita. Perché? Ve lo spieghiamo subito.

Mettete giù lo smartphone e l’autostima dei bambini ne guadagnerà: i pericoli dell’utilizzo passivo della tecnologia per i nostri bambini

Controlliamo le mail, scriviamo nel gruppo di famiglia, in quello delle mamme dell’asilo, in quello degli amici. E poi diamo uno sguardo alle notizie, sbirciamo i nostri social, postiamo quella bellissima foto dei piedini del nostro bebè. Pensateci: anche se non sembra (ormai è un’abitudine e non ce ne accorgiamo nemmeno), il tempo che passiamo davanti al piccolissimo schermo del nostro smartphone è davvero moltissimo durante la giornata. Ma non diamolo per scontato: è proprio esso ad essere pericoloso per i nostri bambini. Perché?

Semplicemente, provate a dare un’occhiata ad una persona che sta controllando il suo cellulare. Non è completamente inghiottita da esso? Non ha tutta l’attenzione lì? Eh certo. E’ così. E anche se noi mamme ci vantiamo di essere multitasking (sì, è vero, lo siamo!) quando focalizziamo l’attenzione sui device tecnologici questa viene risucchiata completamente da essi. 

Bene. Se anche voi vi accorgete dell’impressione che fa una persona davanti al suo smartphone, sappiate che anche i bambini se ne accorgono. Vi vedono intenti al cellulare, e in poco capiscono che in quel momento non ce n’è per nessuno, nonostante la buona volontà.

Il fatto che se ne accorgano, tuttavia, non è fine a se stesso. Purtroppo le conseguenze sono importanti, poiché, in maniera conscia o meno conscia, i bambini si sentono lasciati da parte, recepiscono il messaggio che “non sono abbastanza importanti” e la loro autostima ne risente negativamente. E, a lungo andare, la bassa autostima può trasformarsi drasticamente in ansia e depressione.

Tutto questo è sintomo dei nostri tempi, poiché volenti o nolenti se prima i bambini erano abituati ad avere stimoli da parte nostra e da parte del mondo esterno ora le relazioni, il lavoro e mille altre cose passano attraverso la rete. Solo che nei primi tre anni di vita questi stimoli dovrebbero essere davvero moltissimi, ed è per questo che sarebbe meglio ridurre in maniera netta i momenti passati davanti allo smartphone, dedicandoci invece ai nostri bambini! Come? Abbiamo per voi qualche consiglio per far sì che i nostri bambini non risentano della tecnologia che ormai ci ha invaso.

Innanzitutto, decidete certe zone in casa nelle quali smartphone e tablet saranno banditi: le camere, ad esempio, ma soprattutto la tavola e la zona giochi dei bambini. 

In secondo luogo, fissate alcuni momenti della giornata nei quali controllare mail, social media e messaggini (quelli non necessari; quelli importanti arriveranno come sempre sul telefono, e chi vi deve trovare vi trova anche con una telefonata, state tranquilli). Questi momenti saranno gli unici adibiti al controllo, e in questo modo imparerete a fare a meno dello smartphone durante la giornata.

In questo modo, i bambini vedranno che non è indispensabile tutto quel tempo passato con gli occhi incollati al telefono, e oltre alla loro autostima ne risentirà positivamente anche il rapporto che in futuro avranno loro stessi con la tecnologia (il buon esempio è sempre la migliore educazione).

Terza regola, infine, riguarda direttamente i bambini. Sappiamo che spesso è comodo piazzarli davanti ad un video sul tablet o ad un gioco educativo sullo smartphone (ce ne sono di bellissimi, è vero), ma evitate di farlo prima dei tre anni. Ok, saranno anche attività educative, ma lo stimolo diretto, umano e concreto è sempre il migliore strumento che potete mettere loro in mano!

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

eMyBaby, l’applicazione perfetta per monitorare il tuo bambino
10 motivi per regalare uno strumento musicale al posto di uno smartphone
Il pericolo di smartphone e device tecnologici è reale
La più grande droga di noi mamme

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter