Mamma da dove vengono i bambini? Cicogna, cavolo o amore?

Prepariamoci, perché prima o poi arriverà questa domanda da parte dei nostri bambini. Magari quando aspettiamo il secondogenito e loro vedono crescere il nostro pancione mese dopo mese e cominciano a chiedersi come ha fatto un bambino ad entrare nel corpo della mamma e come farà poi ad uscirne!

Imbarazzante? Può essere. Per cui potremmo ritrovarci a raccontare la storia della cicogna che, volando nel cielo, decide di lasciare il neonato che porta in bocca sul tetto della nostra casa o del cavolo del giardino sotto le cui foglie si trova il piccolo appena nato.

E’ vero, i bambini hanno bisogno di magia, di fantasticare su personaggi inventati che giustifichino gli eventi della vita per loro ancora difficili da comprendere o semplicemente che li facciano sognare. Ma per quanto riguarda l’origine della vita, penso che queste storie servano soprattutto a noi adulti che non ci sentiamo ancora in grado di spiegare certi avvenimenti, tra l’altro naturali e meravigliosi, che già di per sé sono magici! A volte i tabù sessuali la fanno da padrone, pensiamo che i bambini non debbano sapere come avviene la procreazione. Ed in effetti coi bimbi piccoli non c’è alcun bisogno di entrare nello specifico e raccontare la faccenda dal punto di vista anatomico. Esistono comunque modi per far comprendere loro che sono frutto di un atto d’amore, che sono parte di noi e non bimbi abbandonati da qualche parte e poi trovati. Penso che venga in questo caso sottovalutata la capacità cognitiva dei bambini, la loro capacità di analisi dei fatti e si rischi di tradire la fiducia che ripongono in noi.

Perché diciamocelo, bella irresponsabile sta cicogna a viaggiare nei cieli portando in bocca un bambino e poi lasciarlo solo e al freddo sul tetto di una casa … e se poi cade? E poi chi le ha mai viste le cicogne volare nei nostri cieli? E perché allora ti cresce la pancia, mamma? Perché mi dici : “ senti, senti il fratellino che sta calciando!”. Allora, è nella tua pancia o nel becco della cicogna? Troppe contraddizioni, troppi non detti … vuoi vedere che quindi anche la storia di Babbo Natale o della Fatina dei dentini non sono vere ? E queste sì che servono per sognare, per creare un modo magico che fa star bene! E comunque, come fa la cicogna a scegliere a chi lasciare i bambini? Random? A chi capita capita? Perché la zia vorrebbe tanto un bambino ma la cicogna da lei non va proprio! Che confusione mamme!

Allora riproviamo: “ Mamma. Da dove vengono i bambini?” “ Dall’amore di mamma e papà. Quando una mamma e un papà desiderano un bambino, lo vogliono con tutto il loro cuore, si amano così profondamente che i loro corpi creano una magia, creano un bambino, che all’inizio è piccolo piccolo ed è dentro alla pancia della mamma, ma poi piano piano cresce fino a non riuscire a restare ancora lì e così nasce”.

Questo tipo di risposta non crea altrettanti stati confusivi nel bambino e lo rassicura sul fatto che è stato desiderato, che è stata una consapevole scelta d’amore la sua nascita, che è stato cullato tanto tempo col battito del cuore della sua mamma che lo ha nutrito e protetto personalmente. Inoltre rassicura il bambino sul fatto che sulla mamma si può contare, la mamma non lo “inganna” ma risponde veramente alle sue domande ( perché prima o poi lo scoprirà che non è la cicogna a portare i bambini!), mettendo le basi per una relazione autentica e di fiducia.

Dott.ssa Monica Contiero

Ti potrebbe interessare anche

Come organizzare gli spazi di casa quando arriva un bebè
Come fare per allattare quando si è incinta
Gli esami da fare nel primo trimestre di gravidanza
Il bambino nel secondo trimestre

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna