Mamma da dove vengono i bambini? Cicogna, cavolo o amore?

Prepariamoci, perché prima o poi arriverà questa domanda da parte dei nostri bambini. Magari quando aspettiamo il secondogenito e loro vedono crescere il nostro pancione mese dopo mese e cominciano a chiedersi come ha fatto un bambino ad entrare nel corpo della mamma e come farà poi ad uscirne!

Imbarazzante? Può essere. Per cui potremmo ritrovarci a raccontare la storia della cicogna che, volando nel cielo, decide di lasciare il neonato che porta in bocca sul tetto della nostra casa o del cavolo del giardino sotto le cui foglie si trova il piccolo appena nato.

E’ vero, i bambini hanno bisogno di magia, di fantasticare su personaggi inventati che giustifichino gli eventi della vita per loro ancora difficili da comprendere o semplicemente che li facciano sognare. Ma per quanto riguarda l’origine della vita, penso che queste storie servano soprattutto a noi adulti che non ci sentiamo ancora in grado di spiegare certi avvenimenti, tra l’altro naturali e meravigliosi, che già di per sé sono magici! A volte i tabù sessuali la fanno da padrone, pensiamo che i bambini non debbano sapere come avviene la procreazione. Ed in effetti coi bimbi piccoli non c’è alcun bisogno di entrare nello specifico e raccontare la faccenda dal punto di vista anatomico. Esistono comunque modi per far comprendere loro che sono frutto di un atto d’amore, che sono parte di noi e non bimbi abbandonati da qualche parte e poi trovati. Penso che venga in questo caso sottovalutata la capacità cognitiva dei bambini, la loro capacità di analisi dei fatti e si rischi di tradire la fiducia che ripongono in noi.

Perché diciamocelo, bella irresponsabile sta cicogna a viaggiare nei cieli portando in bocca un bambino e poi lasciarlo solo e al freddo sul tetto di una casa … e se poi cade? E poi chi le ha mai viste le cicogne volare nei nostri cieli? E perché allora ti cresce la pancia, mamma? Perché mi dici : “ senti, senti il fratellino che sta calciando!”. Allora, è nella tua pancia o nel becco della cicogna? Troppe contraddizioni, troppi non detti … vuoi vedere che quindi anche la storia di Babbo Natale o della Fatina dei dentini non sono vere ? E queste sì che servono per sognare, per creare un modo magico che fa star bene! E comunque, come fa la cicogna a scegliere a chi lasciare i bambini? Random? A chi capita capita? Perché la zia vorrebbe tanto un bambino ma la cicogna da lei non va proprio! Che confusione mamme!

Allora riproviamo: “ Mamma. Da dove vengono i bambini?” “ Dall’amore di mamma e papà. Quando una mamma e un papà desiderano un bambino, lo vogliono con tutto il loro cuore, si amano così profondamente che i loro corpi creano una magia, creano un bambino, che all’inizio è piccolo piccolo ed è dentro alla pancia della mamma, ma poi piano piano cresce fino a non riuscire a restare ancora lì e così nasce”.

Questo tipo di risposta non crea altrettanti stati confusivi nel bambino e lo rassicura sul fatto che è stato desiderato, che è stata una consapevole scelta d’amore la sua nascita, che è stato cullato tanto tempo col battito del cuore della sua mamma che lo ha nutrito e protetto personalmente. Inoltre rassicura il bambino sul fatto che sulla mamma si può contare, la mamma non lo “inganna” ma risponde veramente alle sue domande ( perché prima o poi lo scoprirà che non è la cicogna a portare i bambini!), mettendo le basi per una relazione autentica e di fiducia.

Dott.ssa Monica Contiero

Ti potrebbe interessare anche

Gigina e Gigetta, un libro sulla fraternità
Ma perché i bambini non fanno quello che gli chiediamo al primo invito??
Prevenire la toxoplasmosi in gravidanza
Gravidanza, la spa in casa con il pancione
“A cloudy lesson”, per capire che anche gli adulti imparano dai bambini
Le 5 regole pratiche per crescere figli sereni
Gravidanze vicine? Il rischio è il parto prematuro
Il Lagom, un nuovo concetto svedese per la felicità
La gravidanza e la nascita nelle tradizioni nel mondo
La Sudbury Valley School, un modello educativo unico e innovativo
Cosa serve davvero ai nostri figli per crescere equilibrati: Peter Gray
Il Kintsugi, l’arte giapponese di riparare le cose rotte

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter