Figli: l'importanza di farli giocare liberi

Spesso noi genitori siamo davvero troppo apprensivi. La supervisione è importante, i nostri figli sono una nostra responsabilità, è vero. Ma siamo sicuri che controllare tutto ciò che fanno ha solo risvolti positivi? No. In effetti non è così. Perché i bambini hanno bisogno di esplorare il mondo, ma soprattutto hanno bisogno di esplorarlo (anche) per conto loro, imparando da ciò che incontrano sul loro cammino, capendo i limiti e i pericoli e curiosando senza paura di chi li guarda.

L'importanza di farli giocare liberi: perché i bambini hanno bisogno di esplorare e muoversi anche senza la supervisione di noi adulti

Fateci caso: ai bambini piacciono moltissimo i nascondigli. E' per l'intimità che danno loro, ma soprattutto perché nascondersi significa avere un momento nel quale si è soli con se stessi, nel quale ci si può comportare come si vuole, come ci si sente, magari strappando qualche regola.

Questo concetto può essere espanso più in grande, e cioè riguardo al gioco e all'esplorazione. Giocando ed esplorando i bambini imparano tutto ciò che di basilare c'è nella vita, e i genitori possono dare qualche linea guida, certo, ma ciò che fa di più è il loro esplorare in autonomia.

Se quindi avete un giardino, un cortile, un bosco vicino, un luogo particolarmente adatto all'esplorazione, lasciateli liberi di fare. Lasciateli passeggiare mentre voi state a casa. Un po' com'era tanti anni fa: le generazioni sono cambiate, ma a volte è bene fare un passo indietro, nella direzione della libertà responsabile.

L'età ideale? Dai 6, 7 anni. I bambini a quell'età sanno già cos'è la responsabilità, e cosa c'è di meglio di lasciargliela sperimentare concretamente? Basta fissare qualche regola fondamentale: non allontanarsi troppo, tornare quando li chiamiamo da lontano, portare il cagnolino, stare sempre vicino (quando sono in compagnia)... E se sono ancora troppo piccoli, secondo il vostro giudizio, iniziate tenendoli sott'occhio, ma da un distanza accettabile (dalla finestra, ad esempio) e intervenite solo se sono DAVVERO in pericolo.

Passeggiando, magari insieme ai fratelli o all'amico del cuore, possono giocare, inventarsi ruoli e attività, e soprattutto curiosare e conoscere gli elementi naturali del mondo. 

Ma anche stando in casa si può sperimentare questa libertà responsabile. Basta impegnarsi a lasciare i bambini liberi di inventarsi i giochi e le attività, senza supervisionare (o al massimo guardando passivamente senza mai, mai mai intromettersi).

E' questo il “gioco libero”. E' importante quanto le attività scolastiche ed extrascolastiche (i corsi e gli sport) ed è solo attraverso esso che i bambini fanno esperienza della spontaneità. Un gioco interamente diretto da loro senza il controllo degli adulti è fondamentale per il loro sviluppo intellettivo ed emozionale. Solo così sperimentano le loro capacità, quelle staccate dalla direzione genitoriale.

Il gioco libero serve a lasciarli liberi di sperimentare i propri ragionamenti, il problem solving, gli schemi mentali e i sogni.

Provate a dare una chance a questo approccio educativo. Chiaramente non serve lasciare liberi e slegati tutti i giorni i bambini; anzi! Però programmare ogni tanto un pomeriggio senza supervisione non può fare che bene.

Parlate poi con i genitori degli amichetti: se anche loro sono della stessa idea, il gioco libero in compagnia diventa ancora più stimolante.

La vostra settimana poi potrà strutturarsi in maniera ancora più bilanciata di prima: non rinunciate ai corsi e agli sport, ma fate spazio anche a qualche finestra di esperienze liberi dalla guida adulta.

Alla fine, dopo averli lasciati liberi e senza esservi intromessi mai, chiedete loro cosa hanno fatto, cosa hanno imparato, se si sono divertiti. Fa davvero bene, sapete? Fa capire loro che la loro indipendenza è importante per voi, e che il tempo passato da soli ha valore. Che LORO hanno valore come persone uniche.

Sara Polotti

Foto Credits: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6e/Children_Participate_in_Annual_Training_During_Kids_AT_DVIDS294537.jpg

Ti potrebbe interessare anche

Agilità emotiva per i bambini, abbracciare le emozioni
Il decalogo per dire NO al bullismo
Omeopatia, questa sconosciuta!
Come vincere la timidezza nei bambini che non salutano

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna