Come funzionano gli asili in Finlandia

Una nuova legge varata in Finlandia prevede che i bambini fino a 7 anni d’età debbano giocare indisturbati e divertirsi senza dover imparare a leggere e scrivere, almeno fino a quella età. La nuova legge si incentra completamente sul gioco e su un apprendimento prettamente ludico.

Nell scuole finlandesi ai piccoli non viene insegnato a leggere e a scrivere almeno sino ai 7 anni; poco tempo passato sui banchi, quindi, e tante ore all’aria aperta e a contatto con la natura. E così, mentre in Italia i bambini a sei anni cominciano la loro avventura nell’apprendimento di lettura e scrittura, in Finlandia i piccoli rimangono illetterati fino al settimo anno d’età.

Il primo step della scuola dell’obbligo in Finlandia è solo pubblico e i piccoli iniziano ad andare a scuola a 5/6 anni. Il metodo di studio è molto semplice: i bimbi devono giocare e, attraverso le attività di gioco, imparano ogni giorno cose nuove.

Secondo gli insegnanti finlandesi questo aiuta il bambino a sviluppare le relazioni interpersonali e le capacità di linguaggio. Sui banchi i bambini passano solo un giorno a settimana, senza che si sentano obbligati a stare fermi e seduti e a ripetere esercizi meccanici e ripetitivi.

Il concetto che è alla base di questo metodo di apprendimento è che le cose imparate con passione, mentre ci si diverte e si è felici, sono quelle che si ricorderanno per il resto della vita, mentre quelle imparate sotto pressione e obbligo saranno quelle che si tenderanno a dimenticare con più facilità perché apprese in modo meccanico.

La giornata tipo in una scuola finlandese non segue programmi precisi; ci sono i giochi all’aria aperta, l’attività fisica e il tempo dedicato alla musica. E non si impara a leggere o a scrivere fino ai 7 anni: questo è il vero unico imperativo.

Le prime nozioni di alfabeto vengono però trasmesse ai bambini attraverso il gioco delle sillabe e il canto e anche i libri non si leggono, ma si sfogliano, concentrandosi sulle figure e i disegni. Chi si mostra interessato all’apprendimento non viene ostacolato, anzi, è incoraggiato dalla maestra a imparare.

Insomma, per imparare a leggere e a scrivere c’è sempre tempo e in Finlandia il gioco, che è alla base dell’apprendimento, viene prima di tutto!

La redazione di Mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

Viva i Mumin!
8 posti da visitare con i bambini in primavera
Come realizzare una mano di Fatima in ceramica
La classe capovolta, una rivoluzione d’insegnamento che ci piace
Il sangue dal naso, tutto ciò che dobbiamo sapere sull’epistassi
Gli origami per bambini, perché sono importanti e qualche idea
L’esempio concreto di una scuola che ha eliminato i compiti a casa
Dove comprare la learning tower montessoriana
Family Point, l’app per conoscere tutti gli appuntamenti per le famiglie!
Il Circle Time, un metodo educativo che stimola l'inclusione
Le nostre case sono sempre in disordine. E per fortuna!
I compiti a casa non servono, e a dimostrarlo sono le statistiche (oltre che il buonsenso)

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg