Chi sono i bambini indaco

Mi sono avvicinata alla teoria dei bambini indaco grazie al mio primo figlio, come dire, molto intelligente ma sicuramente estremamente impegnativo, sia dal punto di vista fisico che mentale; la sua energia sembra infinita, così come la sua tenacia non può essere che definita come spiazzante. Inizialmente pensavo che fosse la mia modalità educativa a renderlo così impegnativo, ma con la nascita della mia seconda figlia, vivace ma completamente differente, ho compreso come si trattasse di caratteristiche sue personali, che prescindono dal tipo di educazione ricevuta.

Così ho iniziato a informarmi e a leggere libri in merito e dopo mesi di tentennamenti ho deciso di scrivere questo articolo, a voi la scelta se ritenerlo attendibile oppure no. 

Si definisce "bambino indaco" un bambino che manifesta alcune caratteristiche che spesso mettono in crisi i genitori che hanno l'arduo compito di seguire la loro educazione: è stato per me importante riconoscere mio figlio come un bambino indaco e comprendere che alcuni suoi atteggiamenti sono caratteristiche sue intrinseche che non devono essere ostacolate ma accettate e sapientemente veicolate. Ovviamente ogni bambino è unico ma sono stati evidenziati alcuni comportamenti comuni che li contraddistinguono:

- manifestano un senso di regalità fin dalla nascita con grande sopresa delle persone che sono loro attorno

- di conseguenza la loro autostima è generalmente solida, sopratutto nei primi anni di vita e se l'educazione dei genitori non è stata respessiva. Così pretendono attenzioni, moltissime attenzioni. 

- non accettano in nessun modo il "perchè no" senza spiegazioni e in generale tollerano poco le autorità assolute che loro non riescono a legittimare con una comprensione razionale

- così non sono a loro agio in realtà caratterizzate da azioni ritualistiche non non prevedono l'uso del pensioero creativo

- per cui tollerano pochissimo (anzi spesso si oppongono) ai sistemi precostituiti che tengono in conto di migliorarsi: i bambini indaco sono tendenzialmente molto propositivi (esatto propositivi non dittatoriali attenzione), per cui veder continuamente bocciate le loro idee è molto frustrante. In realtà questi bambini hanno una visione ad ampio spettro della situazionein cui si trovano, per cui razionalmente propongono dei miglioramenti ma vengono visti come i sindacalisti della situazione o demolitori del sistema. 

- tendono a circondarsi di loro simili e hanno fin dai primi anni le loro simpatie e antipatie. Trovano normalmente un paio di amici ai quali sono molto leali, il resto a loro poco importa.

- hanno la sensazione di "meritare di esssere qui" e la comunicano nelle loro azioni spiegando esattamente cosa vogliono

- non rispondono in alcun modo a metodi educativi che comunicano con il "senso di colpa", questo non attecchisce sulla loro persona

- hanno un'energia fisica molto forte, per cui stare fermi seduti non è per nulla semplice

- si rifutano categoricamente di fare alcune cose come per esempio fare la fila

La letteratura evidenzia diverse tipologie di bambini indaco, e nel prossimo articolo di lunedì parleremo proprio di questo! BUon week end!

Giulia Mandrino

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna