4 modi per crescere bambini felici anche in momenti di stress

Viviamo in un'epoca frettolosa. Non c'è dubbio: sembra quasi che la felicità sia un lusso per chi ha la fortuna di stare fermo, e il traguardo finale pare essere solo il raggiungimento di obiettivi lontanissimi.
Ma bisogna ricordarsi che è impossibile vivere momenti sereni se la famiglia non si prende attimi per riflettere sulle piccole cose, per godere di gesti apparentemente insignificanti e per, semplicemente, passare del tempo insieme. Il bambino ha bisogno di questi momenti, non di vivere nel mondo adulto sempre stressato, di corsa e insoddisfatto: se così non fosse, le conseguenze negative sarebbero devastanti, percependo lui tutto il pessimismo che lo circonda.

Ecco 4 modi per crescere bambini felici anche in momenti di stress: alcuni consigli per rallentare e concentrarsi sulla vita dei nostri figli, in maniera che crescano sereni e senza affanni.

1. Insegnate loro a gestire le emozioni senza cancellarle

Troppo spesso i genitori tendono a minimizzare, o addirittura ad annullare, le emozioni negative che i bambini possono provare. Quando di fronte si trova un problema, al bambino viene spiegato che non è così importante, o addirittura viene nascosta la questione. A volte è giusto,e l'intenzione è comprensibilmente ragionevole. Ma i bambini provano ogni giorno una gamma di emozioni infinita, ed è giusto che ne facciano esperienza.
Il messaggio che deve passare il più spesso possibile non è quello di tapparsi occhi e orecchie e fare finta che i problemi non esistano o passino da soli, ma quello che ogni emozione è giusta, è ok, e va vissuta, essendo parte della vita.

2. Concentratevi sull'empatia

Spesso è difficile provare ad empatizzare con qualcuno, soprattutto nei momenti di arrabbiatura e di frustrazione, di orgoglio e di capriccio. Capita spesso quando sentiamo che gli altri non si aprano a te o facciano scelte solo per ferirti. I bambini lo provano spesso, ad esempio quando vengono scherzati (anche bonariamente), quando si sentono esclusi dal gruppo o quando vengono criticati da un adulto.
Certo, è difficile, ma i bambini devono imparare che dopo il primo momento di frustrazione arriva quello del processo di riflessione, ed è proprio lì che bisogna iniziare a pensare alle ragioni dell'altro e ad analizzare la situazione. Insomma, è bene, spesso, mettersi nei panni delle altre persone.
I bambini empatici diventeranno adulti capaci di prendere decisioni indipendenti, di prendersi cura degli altri e di difenderli quando necessario e di capire quando è bene non cedere alle pressioni.

3. Parlate della loro ansia

L'ansietà dei bambini è un fatto, e purtroppo è sempre in crescendo. C'è modo e modo di affrontarla: parlare delle ragioni per cui si sentono ansiosi o insegnare loro come far fronte a questo sentimento per tentare di ridurlo.
Aiutarli a capire la connessione mente-corpo è fondamentale. Se i bambini capiscono che il mal di stomaco è dovuto all'agitazione per una verifica, o il mal di collo alla tensione per lo spettacolo di fine anno, possono imparare a trovare strategie per sentire meno la pressione. Non solo: fargli capire che esistono emozioni felici ed emozioni tristi e nervose che possono prendere il sopravvento è molto utile, e insegnargli che farsi degli auto incoraggiamenti o dei discorsi interiori allevia le tensioni sarà per loro un grande aiuto.

4. Adottate misure per alleviare lo stress

Tornare alle origini è il miglior modo. Quando i componenti di una famiglia sono zeppi di lavoro, stressati e irascibili la soluzione è un'alimentazione sana, una buona dormita e ritagliarsi degli spazi di inattività tranquilla. Quando siamo troppo impegnati e dormiamo poco, beh, il nostro corpo e la nostra mente cedono.
La famiglia stressata deve fare un passo indietro per guardare il quadro generale. Ogni membro, sia gli adulti che i bambini, deve guardare alla sua tabella settimanale e decidere di togliere un'attività superflua che toglie solo tempo alla casa e al riposo. È bene prendere questa misura tutti insieme: la famiglia si sentirà unita e ognuno supporterà gli altri per il bene comune.
No ai troppi impegni, sì al tempo in famiglia!

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

Un’infografica per crescere figli felici
Bambini aggressivi, l’origine del comportamento e come trattarli
“Calmati, ca**o!”, un libro per rilassarsi ed educare con il sorriso
Alfie Kohn e il suo “Amarli senza se e senza ma”
Il gentle parenting secondo L.R. Knost
Jean Piaget e lo sviluppo cognitivo del bambino
I bambini hanno bisogno del rischio
Il tavolino della pace
Le routine della mattina, del doposcuola, della buonanotte e le buone maniere a tavola
7 libri per imparare ad apprezzare la matematica
La didattica esperienziale
Genitori in azione, un evento imperdibile per i genitori

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter