10 buoni motivi per usare quotidianamente la cucuma

Il suo color ocra la rende una spezia super attraente. Ma sono le sue proprietà ciò che la rendono speciale! Viene dall'Oriente ed è utilizzatissima come colorante naturale (dal momento che esso rimane invariato ed è molto persistente), ma anche come ingrediente per insaporire e arricchire i piatti.

La sua composizione di acqua, grassi, proteine, fibre e zuccheri la rende davvero completa a livello nutrizionale, ed è ricchissima di minerali (dal ferro al fosforo, dal calcio al magnesio, fino a sodio, potassio, selenio, manganese, rame e zinco) e di vitamine (K, J, C, E e del gruppo B, fondamentali per ogni dieta sana).

Vediamo nello specifico 10 buoni motivi per usare quotidianamente la curcuma: la spezia gialla antiossidante e depurativa che deve diventare un ingrediente imprescindibile

- Fin dai tempi antichi, in particolare nella medicina tradizionale cinese e in quella ayurvedica, la curcuma è utilizzata come potente antinfiammatorio e analgesico: essa infatti rafforza i vasi sanguigni e i loro rivestimenti ed è perfetta in caso di emicranie o infiammazioni (anche alle articolazioni, come in presenza di artrite!).

- Proprio per la sua azione diretta sui vasi sanguigni, come lo zenzero l'utilizzo della curcuma ha benefici su tutto l'apparato cardiocircolatorio. Protegge vene e arterie, fluidifica il sangue ed è un ottimo alimento anticolesterolo, dal momento che contrasta l'ossidazione e riduce i livelli del colesterolo cattivo (LDL) aumentando invece quelli dell'HDL, il cosiddetto colesterolo buono.

- Essendo (appunto) antiossidante, la curcuma contrasta lo sviluppo dei radicali liberi ed è quindi utilizzata per combattere l'invecchiamento e i danni alle cellule e alle loro membrane causati proprio da questi.

- Uno dei suoi maggiori utilizzi è legato alla depurazione naturale dell'organismo: questa pianta è infatti conosciuta da sempre per le sue proprietà depurative (non a caso le tisane per depurare l'organismo contengono spessissimo la curcuma), coleretiche e colagoghe (e cioè stimolanti la bile e il suo passaggio verso il duodeno). Ed è un naturale protettore del fegato.

- Nella lotta contro il cancro, la curcuma è in prima fila. La curcuma è in grado di contrastare la leucemia e otto diversi tipi di tumore (prostata, colon, seno, bocca, polmoni, pelle, fegato e reni), grazie alla curcumina, il principio attivo capace di bloccare l'azione degli enzimi responsabili del cancro. In Asia lo sanno da secoli, mentre qui sono solo gli studi più recenti a confermarlo. 

- Se soffrite di disfunzioni di stomaco e intestino, la curcuma può essere un grande aiuto. Essa infatti ripristina la regolare funzionalità e aiuta lo smaltimento dei grassi in eccesso. Di conseguenza, oltre ad essere un ottimo digestivo, è un valido rimedio anche contro meteorismo o disordini intestinali (e nelle diete è un ingrediente chiave: il metabolismo ne guadagna!).

- In caso di diabete la curcuma è un ingrediente raccomandatissimo: anche in caso di pasti grassi, la curcuma abbatte i livelli di trigliceridi e insulina nel sangue. Quindi l'assunzione di questa radice è consigliatissima per le persone affette da diabete, ma anche per quelle a rischio (per fattori genetici o particolari predisposizioni): degli studi hanno dimostrato infatti che i pazienti che l'assumono hanno rischi assolutamente minori di diventare diabetici rispetto a quelli che non ne fanno uso quotidiano.

- Utilizzandola a livello topico, la curcuma si rivela un prezioso cicatrizzante: cura ferite, piccole escoriazioni, ustioni e punture di insetto, e in India questo suo utilizzo è conosciuto da sempre. Anche per le malattie della pelle come l'acne!

- La sua azione cicatrizzante è davvero utile, soprattutto se contiamo che la curcuma è anche un antibatterico naturale. Contrasta infatti i batteri esterni che attaccano l'organismo, grazie alla curcumina contenuta, e si rivela anche un ottimo antivirale.

- Sempre la curcumina ha un'efficacia riscontrata nell'ambito di un argomento molto delicato: l'Alzheimer. Essa infatti ha un potere neuroprotettore: le sue azioni antiossidanti e antinfiammatorie hanno infatti benefici sul sistema neurologico, proprio quello colpito dal processo di degenerazione delle cellule che porta al morbo di Alzheimer. Il suo coinvolgimento è da poco noto: diversi studi hanno infatti iniziato a considerare questo ingrediente dopo che si è notato il ridotto numero di casi di Alzheimer in India rispetto al resto del mondo. Non male, no?

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

“Dal Gusto”, quando il sapore non passa dal sale
La Vitamina D, alleato contro i tumori
Come scegliere gli sciroppi per la tosse per i nostri bambini
9 ricette di curry per bambini
I migliori rimedi naturali contro la tosse
L’amianto, la sua storia e i pericoli per la salute
Come dipingere con le spezie per un'arte sensoriale
10 idee per arredare con le piante aromatiche
Come si può rallentare l'invecchiamento
Polpette di riso alla curcuma e piselli
Smoothie alla curcuma
Estratto di mele caldo con spezie e scorza d'arancia

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter