Tempeh, il perfetto sostituto della carne

Nella ricerca del perfetto sostituto della carne non esistono solo tofu e seitan. O meglio, non in Italia. Qui, infatti, questo prodotto non è ancora molto conosciuto, ma è un valido alleato come sotituto della carne: si tratta del tempeh, o tempè, derivato della soia gialla.

"Carne di soia" e Tempeh, il perfetto sostituto della carne: dal Sud Est asiatico un derivato dalla soia gialla ad alto contenuto proteico.

Dal Tofu si differenzia sostanzialmente per la lavorazione: il tempeh, consumato moltissimo in Indonesia, deriva infatti anch'esso dalla soia (più precisamente dai fagioli gialli di soia), ma lo si ottiene grazie alla fermentazione dei suoi semi, che vengono ammorbiditi, sminuzzati e poi scottati; ad essi viene anche aggiunto un acidificante (o l'aceto o un particolare fungo), e durante le 24 ore di fermentazione i semi si salderanno grazie ai miceli (proprio quelli dell'acqua micellare) e il tempeh acquisterà la sua caratteristica consistenza.

Esattamente come i panetti di tofu e seitan (che tuttavia sono di più facile reperimento in Occidente, trovandosi ormai anche nei supermercati e non solo nei negozi etnici o biologici) il tempeh (la cui fermentazione gli conferisce un gusto delicato che ricorda la frutta secca, i funghi e - in effetti - la carne e che si conserva in salamoia) si presta a varie preparazioni e cotture, dal vapore alla piastra, dalla pentola alla griglia, ma può essere consumato anche semplicemente fresco a fette (è molto compatto), per condire le insalate o i panini. Scopri le nostre ricette di Tempeh sul nostro libro The Family Food, ricette naturali per famiglie incasinate, edito da Mental Fitness Publishing

Il processo con il quale si crea il tempeh consente di mantenere invariate le proprietà della soia, ma rispetto ai semi consumati al naturale risulta molto più fibroso e quindi digeribile. E la fermentazione permette una riduzione di oligosaccaridi: in questo modo moltissimi problemi di gas o indigestione vengono annullati.

In generale, il tempeh è un alimento abbastanza completo: contiene proteine, grassi, carboidrati, Omega 3, calcio, potassio, fosforo, folati, fitostenoli (alleati contro il colesterolo cattivo), fibre, acidi grassi polinsaturi e vitamine.

In particolare, nei paesi asiatici la coltura dei batteri per la fermentazione è integrata con batteri non patogeni in grado di produrre la famosa vitamina B12, spesso carente (eppure importantissima) nelle diete veg. Questo, però, avviene probabilmente solo in Asia: il tempeh prodotto e acquistabile in occidente spesso è carente di B12, proprio per la differenza delle colture batteriche.

Rispetto ad altri derivati della soia, come ad esempio il miso, il tempeh è caratterizzato da un basso contenuto di sodio, e quindi è adatto a moltissime diete. Al suo interno sono presenti anche numerosi agenti antibiotici naturali, e quindi è perfetto per rafforzare il sistema immunitario.
Tra i suoi benefici, si annovera la capacità di rinforzare le ossa, contrastare alcuni tumori, alleviare i sintomi della menopausa e ridurre i rischi di malattie cardiovascolari: questo perché la sua composizione è ricca di alcuni fitochimici, come la saponine e gli isoflavoni, fondamentali per l'organismo.

E per le donne che soffrono delle odiose cisti ovariche il tempeh può risultare un valido aiuto: i suoi fitoestrogeni aiutano infatti a combattere le cause e i sintomi di questo problema tra i più diffusi tra le donne di tutto il mondo.

La redazione di mammapretaporter.it

Foto Credits: https://www.flickr.com/photos/papisc/3385243668

Ti potrebbe interessare anche

Come veganizzare le ricette variando gli ingredienti
7 insalate di legumi per un'estate naturalmente proteica
La ricetta dello shake proteico senza polveri
Bevande di yogurt alla frutta: come farle in casa

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna