Melograno, frutto invernale buono e sano: le sue proprietà e le ricette

Con l’autunno e l’inverno arrivano tutte quelle pietanze che durante l’anno poi ci mancano. Le arance, i litchies, le cime di rapa, le verze… Ma soprattutto il melograno! Melograno o melagrana che dir si voglia, questo frutto dai chicchi aspri ma irresistibili porta in tavola insieme al suo colore rosso un sacco di benefici e di proprietà. Ma le conoscete tutte? E, soprattutto: sapete come valorizzarlo e portarlo in tavola in maniera variegata?

La bontà del melograno, frutto invernale buono e sano: le sue proprietà e le ricette per gustare al meglio questo frutto rosso ipocalorico e ricco di benefici

Innanzitutto, il melograno si piazza nei primi posti quando si parla di proprietà antiossidanti (come spesso accade con tutti i frutti dal colore rosso acceso). Ma anche la vitamina C non manca (mangiate un melograno: vi assicurerete addirittura il 20% del fabbisogno giornaliero di questo elemento!), e nemmeno i sali minerali: il melograno è infatti zeppo di calcio, fosforo, magnesio, potassio e zinco

Il cuore, in particolare, riceve molti benefici da l’assunzione di questo frutto: il succo del melograno è infatti un potente anticoagulante e previene un sacco di malattie cardiovascolari legate al colesterolo, dato che ne riduce quello cattivo (l’LDL) e aumenta quello buono (l’HDL).

E’ anche antitumorale (in particolare per prostata e seno). Il melograno contiene infatti alcuni elementi importantissimi nella lotta contro il cancro, e cioè i tannini e i polifenoli, che sono alleati dell’organismo quando si tratta di ridurre i radicali liberi che contribuiscono all’invecchiamento cellulare.

Questo frutto è noto però anche e soprattutto per le sue proprietà cosmetiche. E’ infatti un alleato della bellezza, dal momento che, proprio per le sue vitamine (la C ma anche la K) e per le sue proprietà antiossidanti riduce l’invecchiamento cellulare, una proprietà benefica per l’organismo interno ma anche per l’aspetto esteriore della pelle.

Anche l’intestino tuttavia ne gioverà: oltre che essere nota la sua azione contro le emorroidi, il melograno agisce quando si soffre di nausea e di parassiti intestinali, nonché contro la dissenteria.

La maniera più buona e salutare per assumere il melograno, oltre che semplicemente masticandone i chicchi per estrarne la polpa, è farne un ottimo succo antiossidante: se possedete un estrattore, come il nostro Estraggo, sarà semplicissimo preparare un succo vivo di melograno e uva (un’abbinata perfetta e consolidata) senza zuccheri aggiunti. Il succo vivo è perfetto, poiché non altera nessuna delle proprietà del frutto!

Se invece amate consistenze più dense e corpose, perfetto è lo smoothie melograno e bacche di Goji, di colore rosa e saporitissimo. Ai frutti aggiungiamo anche il latte di mandorla e le noci del Brasile, in modo da assicurarci un buon livello glicemico, evitando picchi.

Ottimi sono poi i semini del melograno abbinati alle salse orientali come l’hummus (o comunque a base di salsa tahina), ma soprattutto alla Baba Ganoush, la classica crema di melanzane mediorientale (qui la nostra ricetta) che è davvero fenomenale a livello di gusto, e che con i semi di melograno a guarnirla diventa praticamente completa e perfetta.

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

Le castagne, proprietà e ricette
Ricette d’autunno con i legumi
Le 10 tisane e tè d’autunno
Gli oli essenziali perfetti per la stagione autunnale

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna