Usi e benefici dei germogli e del germogliatore

I germogli delle piante sono davvero benefici: essi contengono, in maniera più concentrata, le vitamine (sono ricchissimi di vitamina A e B12!), i sali minerali, gli enzimi, gli amminoacidi essenziali, gli oligoelementi, i carboidrati, le proteine, gli zuccheri semplici e le sostanze di riserva che servono per la crescita della pianta. Sono praticamente gli embrioni delle varie specie.

Se consumati, questi germogli (che crescono a partire dai piccoli semi) si rivelano davvero utili al nostro organismo, oltre che buonissimi! Tra le specie più apprezzate e utilizzate in cucina (in maniera davvero versatile per insaporire ogni piatto) troviamo i germogli di soia, dei fagioli, delle lenticchie, della rucola, dei broccoli, del trifoglio, della senape, del lino, del fieno greco, del crescione e di mille altre piante. E tutti hanno un sapore molto deciso!

Potete trovarli in commercio già pronti, ma c'è un uso ancora migliore: la germogliazione in casa! 

Vi presentiamo gli usi benefici dei germogli e del germogliatore: come coltivare in casa i germogli delle nostre verdure preferite a partire dai loro semi

Solitamente i germogliatori casalinghi si presentano in plastica o terracotta. Si tratta di contenitori più o meno grandi che permettono la crescita dei germogli di più specie di semi contemporaneamente, grazie ai cestelli sovrapposti o messi uno accanto all'altro.

I semi delle varie specie di piante si trovano in commercio, singoli o in mix già pronti, a basso costo (rispetto ai germogli già pronti, che invece hanno un prezzo piuttosto elevato). Una volta comperati, i semi vanno messi in ammollo (solitamente per una notte), scolati e successivamente vengono posti sui ripiani del germogliatore, da posizionare in un luogo della casa soleggiato ma non esposto ai raggi diretti del sole (che altrimenti brucerebbero i semi). Qui trovi i nostri consigli e i vari tipi di semi da far germogliare.

Non serve innaffiarli troppo: di solito basta una spruzzatina d'acqua ogni tanto, in modo da evitare eccessi di liquido che altrimenti formerebbero muffe e farebbero proliferare i batteri. L'acqua in eccesso, comunque, viene raccolta nella vaschetta alla base del germogliatore. Basterà vuotarla (ma senza buttarla: è ottima per innaffiare le altre piante!) e continuare la nostra coltivazione.

Giorno dopo giorno, i semini iniziano a schiudersi e a germogliare, formando un'erbetta davvero carina. Bastano pochi giorni: il trifoglio, ad esempio, è pronto già dopo cinque giornate! E in ogni caso i tempi di germogliazione sono davvero brevi.

Una volta pronti (raggiungono solitamente l'altezza di una decina di centimetri) sono subito consumabili. Anzi, prima li si mangia meglio è, anche se, una volta colti, possono tranquillamente durare in frigorifero (all'interno di una vaschetta di vetro con coperchio ermetico) per quattro o cinque giorni senza appassire. Meglio non lasciarli nel germogliatore: continuando a crescere perderebbero molte delle loro proprietà nutrizionali, diventerebbero collosi e acquosi e sarebbero quindi un pochino più indigesti.

E come si mangiano? Sempre meglio crudi: in questo modo manterranno tutte le proprietà della pianta. Li si può sfruttare per insaporire insalate e insalatone, sulle bruschette, nelle salse, insieme ai cereali come riso e farro, nelle zuppe e nelle minestre, nello yogurt o all'interno di polpette e ripieni.

Noi abbiamo scelto Germoglio, di Siqur Salute. Germoglio infatti è automatico, il che lo distingue nettamente dai germogliatori “normali”. Nella parte iniziale di questo libretto è spiegato abbastanza bene come funziona e trovate anche info utili sui germogli: https://issuu.com/siqursalute/docs/germoglio/1?e=24502617%2F30000297

Ecco le caratteristiche principali di Germoglio:

- è automatico, con un bassissimo consumo di energia annaffia tramite uno spruzzino i germogli ogni mezz’ora

- l’acqua raccolta nella vaschetta in basso viene rimessa in circolo per le annaffiature, cosa che evita da una parte il ristagno e la formazione di muffe, dall’altra fornisce ai semi la giusta ossigenazione

- non è necessario terreno né luce solare, grazie al colore della vaschetta che scherma la luce esterna creando l’”habitat” ideale

- le plastiche sono BPA free

- può essere educativo per i bambini osservare la crescita dei germogli!!! 

- il tempo per la “raccolta” oscilla di norma tra i 3 e i 6 giorni, a seconda dei semi

- la quantità di germogli ottenuta con Germoglio è notevole! una famiglia può mangiarne tranquillamente per una settimana

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

10 germogli da coltivare facilmente a casa
I germogli: un prodigio di benessere

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna