L'acerola, il frutto della vitamina C

Inverno. Mandarini e arance invadono le nostre case e le nostre fruttiere, alleati da sempre nella caccia alla vitamina C e alle sue proprietà contro i malanni stagionali.

Già, gli agrumi ne contengono molta, ma dall'America centrale e meridionale e dai tropici arriva una pianta i cui frutti sono i secondi più ricchi di vitamina C al mondo (dopo quelli della Terminalia Ferdinandiana): l'acerola!

L'acerola, il frutto della vitamina C: le proprietà e i benefici del frutto utile per grandi e bambini 

Esatto: lo guardate e pensate che ricorda una ciliegia o un'amarena, o addirittura una minuscola mela. Ma non appena lo sbucciate vi accorgete che il suo interno, di un rosso vivissimo, è diviso in spicchi e che il gusto aspro lo avvicina più alla categoria degli agrumi.
E come gli agrumi, in effetti, l'acerola fornisce un sacco di vitamina C (o acido ascorbico), importantissima perché non sintetizzabile dall'organismo, che è costretto ad assicurarsene le giuste quantità solo attraverso l'alimentazione (consumando molta frutta e verdura fresca).

Rispetto ad un'arancia l'acerola contiene dalle 30 alle 50 volte in più questa vitamina, e quindi, beh, è una bomba di vitalità!

Il suo consumo è ottimo per rinforzare le difese immunitarie, è antiossidante e quindi contrasta i radicali liberi e ostacola lo stato ossidativo anche in casi più bisognosi (come nei fumatori). Favorisce l'assorbimento del ferro contenuto nei vegetali (e quindi è consigliata ai vegetariani). Previene e combatte i malanni di stagione e gli stati influenzali, ed è un valido aiuto contro il sanguinamento gengivale. Contrasta gli ematomi, è antinfiammatoria e può avere anche una azione antistaminica, utile in primavera quando compaiono i primi fastidiosi sintomi delle allergie.

E' il rimedio perfetto per i bimbi (ma anche per gli adulti) che soffrono di epistassi, quindi quando sanguina il naso: un cucchiaino di acerola in polvere (ottima quella dei Prodigi della Terra) in un biberon di latte vegetale la mattina è assolutamente consigliata. 

Negli ultimi anni gli studi hanno mostrato come questa vitamina sia anche in grado di diminuire la formazione degli N-nitrosocomposti, contrastando e prevenendo quindi la possibilità di sviluppare tumori del tratto gastrointestinale.
Sostanzialmente, quindi, l'acerola è consigliata sempre, quotidianamente ma soprattutto durante la convalescenza e gli stati di astenia, in gravidanza, durante i mesi dell'allattamento (quando il fabbisogno raggiunge il picco di 120mg al giorno), in età avanzata e nel decorso delle malattie infettive.

Anche perché non contiene solo vitamina C: anche quelle del gruppo B (B1, B2, B3, B5 e B6) sono presenti in forte quantità nell'acerola, così come la vitamina A, il ferro, il fosforo, il calcio, il magnesio e il potassio.

Nei paesi in cui lo si coglie, questo frutto viene consumato fresco oppure sottoforma di marmellata o immerse nello sciroppo zuccherato.
Da noi, tuttavia, non è facile trovarlo, ma è possibile consumarlo sottoforma di polvere, capsule gelatinose, integratori o succo concentrato (anche se ovviamente la vitamina C fornita dal frutto fresco non è paragonabile).

L'unica controindicazione è per quei soggetti che soffrono di acidità gastrica e calcolosi renale: la vitamina C, infatti, favorisce la formazione dei calcoli!

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

Il sangue dal naso, tutto ciò che dobbiamo sapere sull’epistassi
Le arance, il frutto invernale acidulo, tipico e benefico
La vitamina C, le sue proprietà e gli integratori per bambini
Tè rosso alla rosa e cannella
3 integratori utili per i bambini da tenere sempre in casa
Tisane e decotti per i bambini
Gli alicamenti: cosa sono e come usarli in famiglia

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg