I bambini arrivano a scuola affamati

In Italia si stima che vengano perse 170 ore all'anno di istruzione scolastica a causa dell'arrivo a scuola la mattina di bambini a scuola che hanno saltato la colazione o che hanno avuto un apporto nutritivo troppo scarso.
Gli insegnanti italiani lanciano l'allarme e svelano conseguenze preoccupanti sull'arrivo a scuola di bambini affamati: i bambini arrivano a scuola affamati e perdono ogni settimana oltre 5 ore di istruzione scolastica ovvero circa 7 settimane all'anno.
Lo rivela la recente ricerca "L'istruzione perduta" commissionata da Kellogg a Opinion Matters ed effettuata su un campione di 503 insegnanti di scuole primarie e secondarie in Italia.
Il 39% degli insegnanti intervistati dichiara di vedere arrivare in classe ogni giorno bambini affamati che non hanno fatto colazione. Più di un terzo degli intervistati (34%) riferisce di assistere ad un preoccupante incremento nel numero di bambini che arrivano quotidianamente affamati a scuola.
Gli effetti dell'arrivare a scuola affamati sono preoccupanti: il 76% degli insegnanti dichiara che i bambini affamati sono meno performanti in classe, il 54% osserva che fanno più fatica a concentrarsi ed il 38% sostiene che non riescono a contribuire attivamente al lavoro di classe.
E ancora, circa tre insegnanti su quattro (73%) osservano che i bambini che arrivano a scuola affamati sono più soggetti a problemi comportamentali, mentre un insegnante su due (49%) ha riscontrato maggiori difficoltà relazionali.
Il 92% degli insegnanti è convinto che avere in classe bambini affamati impatti sull'apprendimento del resto della classe e il 77% dichiara di impiegare maggior tempo per preparare i bambini affamati alle verifiche scolastiche.
La letteratura scientifica conferma che fare abitualmente colazione comporta migliori performance accademiche - ha dichiarato Anna Ogliari, medico, specialista in psicologia clinica presso l'Ospedale San Raffaele Turro di Milano e ricercatore universitario presso l'Università Vita-Salute San Raffaele.
Recenti studi evidenziano come i bambini che fanno la prima colazione ottengono punteggi significativamente superiori – rispetto ai bambini che arrivano digiuni - su diverse prove neurocognitive volte a valutare l'attenzione, la memoria, la velocità di elaborazione e il riconoscimento percettivo.
Da ulteriori indagini scientifiche – conclude la dottoressa Ogliari - è emerso inoltre che sarebbero i bambini provenienti da famiglie con basso status socio economico a trarre i maggiori benefici dal consumo quotidiano della prima colazione. L'assunzione della prima colazione, a fronte della presenza di una carenza di macronutrienti, comporterebbe un importante miglioramento dell'iperattività e delle performance cognitive.

E' importante quindi svegliare anche 15 minuti prima i bambini per fare una corretta alimentazione. Ottimo è riuscire a unire una fonte vegetale e una proteica, come per esempio una spremuta o un centrifugato/estratto e dopo almeno 10 minuti un latte vegetale (ottimo quello di avena e quello di mandorle magari mischiati insieme) o yogurt di soya o riso e dei cereali SENZA ZUCCHERO (possiamo anche aggiungere del cioccolato amaro e un cucchiaio di sciroppo d'acero o di agave er dolcificare), una fetta di pane integrale e della marmellata SENZA ZUCCHERO o del malto o della crema al cioccolato vegetale. per concludere qualche frutta secca da sgranocchiare o dell'uvetta e raggiungeremmo il top!

Ma spesso la causa di tale fenomeno non è solo riconducibile al tempo: gli insegnanti italiani (64%) sono d'accordo nel ritenere che molti bambini che saltano la colazione provengano da famiglie con difficoltà economiche che non possano garantire una colazione ai propri figli.
Un valido aiuto è fornito dalle Organizzazioni Banco Alimentare che svolgono un'attività assistenziale per le famiglie bisognose: per un insegnante su due (56%) il ruolo di banco alimentare all'interno delle comunità locali è di fondamentale importanza. Ed è per questo che occorre una maggiore consapevolezza sulle attività fatte da queste organizzazioni.
Kellogg attraverso il programma di Responsabilità Sociale "Breakfasts for Better Days" – progetto globale che ha l'obiettivo di contribuire a fornire il pasto più importante della giornata ai bambini e alla famiglie in difficoltà - annuncia oggi la collaborazione con Fondazione Banco Alimentare Onlus per donare circa 6 milioni di colazioni ai bambini e alle famiglie bisognose.
Da ottobre a dicembre di quest'anno tutti coloro che acquisteranno una confezione di cereali Kellogg's aderenti all'iniziativa "Acquista una confezione, dona una colazione", contribuiranno ad offrire una tazza di cereali (30g di prodotto) ai bambini e alle famiglie meno fortunate tramite la Rete Banco Alimentare in tutta Italia.
La consegna dei prodotti ai magazzini della Rete Banco Alimentare in tutta Italia sarà supportata da DHL Supply Chain Italia, partner logistico di Kellogg.
La prima colazione è il pasto più importante della giornata perché fornisce l'energia necessaria per affrontarla al meglio. In Italia purtroppo non tutti possono farla: ci sono, infatti, 2 milioni 28 mila famiglie che vivono in stato di povertà assoluta.
La condizione di povertà delle famiglie italiane è sempre più allarmante come ogni anno ci conferma la fotografia fatta dall'Istat – ha dichiarato Andrea Giussani, Presidente di Fondazione Banco Alimentare Onlus.

Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Torta proteica di ricotta
8 idee per una colazione super sana
Come preparare una colazione salata
10 idee di toast sani e creativi

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna