Le alghe che aiutano a dimagrire

Di alghe ne esistono davvero tante, specie diverse dalle proprietà differenti e, tra quelle che sono commestibili, alcune sono utilizzate come ingrediente per la preparazione di integratori alimentari dimagranti. Le alghe, quindi, hanno ottime proprietà che aiutano a regolare il metabolismo e possono essere utilizzate nel caso si stia affrontando una dieta per rimettersi un po’ in forma.

Ecco allora quali sono le alghe che aiutano a dimagrire: un gruppo di vegetali ricchi di sostanze nutritive preziose per controllare il peso corporeo!

Le alghe commestibili sono ricche di fucus, una particolare sostanza di origine algale che aiuta a controllare il peso corporeo, e per questo motivo sono particolarmente indicato nelle diete e utilizzate negli integratori alimentari dimagranti.

Un’altra sostanza di cui questi vegetali sono ricche è lo iodo, che aiuta la buona funzionalità della tiroide, una ghiandola fondamentale per il funzionamento degli ormoni del corpo. Assumere alghe dimagranti ricche di iodio aiuta quindi l’organismo a stimolare il funzionamento della tiroide, aumentando il metabolismo e bruciando più calorie.

È importante, però, sapere che le alghe vanno sempre assunte nelle giuste dosi e che non bisogna mai abusarne, perché un eccesso di iodio potrebbe invece danneggiare la tiroide e creare degli scompensi al corpo.

Ma quali sono le alghe che contengono lo iodio? Certamente questo minerale abbonda nelle alghe di mare ( kombu, laminaria, nori, wakame, arame), mentre è presente solo in piccole quantità nelle alghe di acque dolci, come l’alga verde e l’alga azzurra, per esempio spirulina e clorella.

Si stima che anche solo un grammo di alghe ad alta percentuale di iodio sia sufficiente a soddisfare il fabbisogno quotidiano che il corpo necessita; se volete assumere un integratore a base di alghe è bene che leggiate bene sulla confezione il contenuto di iodo, che varia sempre in base al tipo di prodotto.

Se state seguendo una dieta dimagrante ricordate di non passare bruscamente da una dieta povera di questo minerale a dosi eccessive; è meglio aumentare gradualmente le dosi e consultare sempre il medico, soprattutto perché l’assunzione di alghe ricche di iodio è controindicata in caso di ipertiroidismo.

Le alghe sono particolarmente indicate in caso di dieta perché hanno un forte potere saziante; assunte prima di un pasto, circa mezz’ora prima, insieme a un bicchiere d’acqua, formano nello stomaco una massa gelatinosa in grado di dilatare le pareti gastriche e far sentire così un senso di sazietà.

L’effetto saziante deriva anche da altre sostanze nutrienti che si trovano nelle alghe; la fucoxantina, per esempio, è un carotenoide delle alghe bruno che pare aiuti lo smaltimento dell’adipe grazie a una proteina contenuta in essa. Le alghe brune, quindi, come il fucus, la laminaria, l’alga kombu e l’alga kelp sono le più indicate per dimagrire.

Ti potrebbe interessare anche

La dieta del dott Longo: 5 giorni al mese per la dieta mima digiuno per la rigenerazione cellulare
Estratto contro la ritenzione idrica cetriolo e sedano
10 falsi miti sulle diete da sfatare
Acqua detox cetriolo, limone e menta

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna