Magica quinoa

La quinoa... abbiamo probabilmente sentito il suo nome sui giornali o in tv, l'abbiamo trovata sugli scaffali dei supermercati ma pochi di noi hanno provato a cucinarla in quanto il suo nome e sopratutto la sua consistenza sembrano un po' spaventare. 

In realtà la quinoa è in realtà molto facile da cucinare e molto versatile: possiamo preparare insalatone facili e veloci come polpettine o minestre. Dal punto di vista nutrizionale la quinoa  non è un cereale in quanto non fa parte della famiglia delle graminacee (viene considerata un cereale per il suo alto contenuto di amido) e ma è strettamente imparentata con la famiglia degli spinaci e delle barbabietole. Viene coltivata principalmente in Perù e Bolivia ed era considerato il cibo sacro degli Incas in quanto è una delle piante con più proprietà nutritive al mondo: priva di glutine, contiene lisina, sostanza importante per le cellule cerebrali, metionina (fondamentale per il metabolismo dell'insulina), sostanza che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare da solo e deve quindi essere introdotto con l'alimentazione, numerosi minerali  come magnesio, fosforo, sodio e zinco. Anche le vitamine abbondano: sono presenti vitamine del gruppo B. C ed E, quest'ultime fondamentali antiossidanti. 

La quinoa è davvero un super alimento, adatto ai bambini fin dallo svezzamento, a noi mamme che vogliamo mantenerci in linea, alle donne in menopausa che necessitano quindi di un apporto maggiore di magnesio, al papà che ha bisogno di fonti proteiche per sostenere uno sport. Sopratutto è adatto a tutti i celiaci e a persone con intolleranze a glutine e grano.

Il procedimento di cottura della quinoa è molto semplice: basta lavarla bene sotto l'acqua per un paio di minuti, in questo modo eliminerai il sapore erbaceo e amarognolo altrimenti presente. Se avete tempo potete tostare in padella alcuni minuti per esaltare il suo sapore simile alle noci. Cuocere per 15 al minuti in acqua o brodo vegetale con una quantità pari ad doppio del suo volume (2 parti di acqua e uno di quinoa) e poi scolare sotto acqua fredda per bloccare la cottura. Alcuni consigliano di lasciare la quinoa nella pentola di cottura per altri 5 minuti per farle assorbire tutta l'acqua di cottura. 

Potete condirla come meglio credete a seconda dei vostri gusti!

Enjoy!

Giulia Mandrino

 

immagine tratta dal sito http://tastykitchen.com/

Ti potrebbe interessare anche

Crostata senza farina con crema al limone
Apple pie: la ricetta sana e facile senza latticini
Pasta con i broccoli: la ricetta veg buonissima
Tiramisù veg e senza glutine

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna